«
»

Top

Asma grave nei bambini: via libera europeo per mepolizumab, già sentito parlare?

21 set 2018

Asma grave nei bambini: via libera europeo per mepolizumab, già sentito parlare?

La terapia biologica di Gsk ha ottenuto l’approvazione della Commissione Ue come trattamento aggiuntivo per l’asma grave eosinofilo refrattario nei pazienti pediatrici dai 6 fino ai 17 anni

Arriva in Europa la prima terapia biologica anti-IL-5 per i bambini con asma grave eosinofilo refrattario. La Commissione Ue ha approvato mepolizumab come trattamento aggiuntivo per l’asma grave eosinofilo refrattario nei pazienti pediatrici dai 6 fino ai 17 anni. A renderlo noto è un comunicato di GlaxoSmithKline (Gsk). Si tratta di una estensione delle autorizzazioni del farmaco.

farmacia

Una terapia biologica per l’asma grave

Mepolizumab – sottolinea la nota di Gsk – è la prima e unica terapia biologica approvata per i pazienti pediatrici con asma grave eosinofilo refrattario antiInterleuchina-5 (IL-5), che gioca un ruolo importante nella regolazione della funzione degli eosinofili. Si tratta di un grande bisogno ancora non soddisfatto in questa popolazione visto che la severità della malattia è più elevata nei bambini e negli adolescenti rispetto agli adulti, con il rischio di eventi fatali”.

Poche opzioni

Oggi le opzioni terapeutiche per i bambini con asma grave sono limitate. E non solo, l’azienda sottolinea:

“L’utilizzo a lungo termine dell’attuale terapia standard, i corticosteroidi orali è associato a numerosi eventi avversi osservati oggi negli adulti, con un impatto ulteriore sulla ridotta crescita nei bambini”.

Soddisfatto Hal Barron, a capo della R&D farmaceutica di Gsk: “L’asma è la più comune malattia cronica nei bambini. La disponibilità di mepolizumab come primo trattamento target per I bambini e i giovani con asma grave – conclude Barron – aiuterà ad offrire il controllo della malattia per questi pazienti e a rassicurare i loro genitori”.

About Pharma

Commenti

Ti piacerà anche

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Morbo di Crohn

La diagnosi del morbo di Crohn raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Adamantinoma
Astrocitoma
Carcinoma basocellulare
Carcinoma epidermoide della testa e del collo
Condrosarcoma mixoide extrascheletrico
Cordoma
Coriocarcinoma
Dermatofibrosarcoma di Darier-Ferrand
Feocromocitoma
Glioblastoma
Leucemia linfatica acuta
Leucemia linfatica cronica
Leucemia mieloide acuta
Leucemia mieloide cronica
Linfoma di Hodgkin
Linfoma non-Hodgkin
Macroglobulinemia di Waldenstrom
Mesiotelioma
Mielofibrosi
Mieloma multiplo
Nefroblastoma
Neoplasia endocrina multipla
Neuroblastoma
Retinoblastoma
Sarcoma di Ewing
Sarcoma di Kaposi
Sindrome di Sézary
Sindromi mielodisplastiche
Tumore al cervello
Tumore al timo
Tumore del collo dell'utero
Tumore del colon-retto
Tumore del fegato
Tumore del nasofaringe
Tumore del palato
Tumore del pancreas
Tumore del polmone
Tumore del rene
Tumore del seno
Tumore del testicolo
Tumore dell'ano
Tumore dell'endometrio
Tumore dell'esofago
Tumore dell'ovaio
Tumore della bocca
Tumore della gola
Tumore della laringe
Tumore della lingua
Tumore della parotide
Tumore della pelle
Tumore della pleura
Tumore della prostata
Tumore della tiroide
Tumore della vagina
Tumore della vescica
Tumore della vulva
Tumore delle vie biliari
Tumore dello stomaco
Tumore di Merkel
Tumore endocrino entero-pancreatico
Tumore gliale
Tumore maligno delle tube
Tumore neuroendocrino
Tumore osseo
Tumore peritoneale primario
Tumore rabdoide
Tumore stromale gastrointestinale
Tumore tonsillare

La diagnosi del cancro raccontata dai membri Carenity

Leggi l’articolo
La nostra guida per una visita medica di successo

La nostra guida per una visita medica di successo

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo