«
»

Top

Depressione: il sintomo di cui nessuno parla mai viralizzato su Twitter

Pubblicata il 20 set 2018

Depressione: il sintomo di cui nessuno parla mai viralizzato su Twitter

Diventato virale nel giro di poco tempo un thread su Twitter che parla di depressione e del sintomo di cui nessuno, comprese le pubblicità dei farmaci, osa parlare

In Italia sono 2,8 milioni di persone a soffrire di depressione, negli Stati Uniti il numero arriva a 16,2 milioni di soggetti adulti trattati per questo disturbo. Eppure, nonostante nel mondo il problema sia diffuso e affrontato su vari livelli, ancora c'è un po' di confusione sui reali sintomi che chi ne soffre deve affrontare quotidianamente.

A puntare il dito e più precisamente contro molti spot di farmaci antidepressivi, colpevoli di non affrontare il disagio nel modo corretto, è M. Molly Backes, la classica ragazza della porta accanto che non fa fatica a dire la sua, forte della sua conoscenza personale del problema.

smartphone

In un tweet, diventato virale nel giro di poco, Molly affronta con decisione il nocciolo della questione, ossia che depressione non è sinonimo di tristezza. Anzi, la tristezza è solo un sintomo marginale che identifica questo disturbo mentale. Il vero sintomo di cui nessuno parla e che invece è senza dubbio attribuibile al problema è quello che viene definito il compito impossibile, la difficoltà per una persona depressa a svolgere anche le commissioni più semplici.

La depressione è un macigno che non solo fa affondare chi ne soffre, ma impedisce al malato anche di vedere con lucidità quello che lo circonda.La teoria del compito impossibileè realistica, tanto che una persona depressa sperimenta proprio lo scoraggiamento ad affrontare le cose da farequotidiane, indipendentemente dal loro livello di difficoltà e dal fatto di averle già fatte o meno in passato.

Il post di Molly Backes ha ricevuto molti retweet, consensi e risposte, come quella di un utente che ha voluto condividere la sua esperienza con la malattia:

"Non mi sono mai sentito triste. Mi sentivo inutile, inutile e pesante, molto pesante".

Secondo il National Institutes of Mental Health (NIMH)il compito impossibile può essere descritto come "umore 'vuoto" e "impotenza", mettendo in guardia sul fatto che la depressione può affiorare in modi diversi a seconda del paziente. C'è chi sperimenta ansia, irritabilità, perdita di interesse o piacere nel fare cose che prima si amavano, stanchezza, difficoltà a dormire e per finire anche pensieri suicidi.

Il ventaglio di disturbi legati alla depressione è vario e sarebbe un rischio pensare che la sintomatologia sia universale. M. Molly Backes ha giustamente condiviso un pensiero importante, quello delle associazioni "di idee" sbagliate, che arrivano addirittura dall'industria farmaceutica attraverso spot fuorvianti.

La depressione è una, forse, i suoi sintomi di certo tanti. Ridurli al cliché fa male a chi ne soffre, ma genera anche disinformazione fra chi non conosce la malattia. Un po' di attenzione in più in questo senso sarebbe assai gradita.

Scienza e salute

4 commenti

Lucistella
il 25/12/18

Io sicuramente soffro d'ansia generalizzata però ho anche molta tristezza e poca voglia di fare come cucinare, per es. Una volta mi piaceva molto, adesso sto male ogni volta che devo prep da mangiare. Ed anche leggere mi piaceva. Ora leggo solo il giornale e le notizie sul PC, prima leggevo libri su libri...E scrivevo anche e molto. Ho da anni un romanzo che dovrei finire ma non ci riesco. Non ho voglia nemmeno di camminare o fare movimento...Non so se questo sia sintomo di depressione ma ci vado vicino mi sembra...Se qualcuno ha i miei stessi problemi, potrebbe farmelo sapere...Grazie e Buone Feste!!!

il 25/12/18

@Lucistella‍ io ho sempre sofferto principalmente di distimia, da sempre, accompagnata da ansia terribile. La distimia è una forma più leggera di depressione ma è costante, onnipresente. Nel mio caso molti sintomi sono simili a quelli che tu descrivi ossia poca voglia di fare, umore basso, estrema fatica nel fare le cose che magari ti riescono anche bene ma ti prosciugano le energie. Per due volte la mia distimia si è trasformata in depressione. La prima volta meno grave. Quella attuale che sto vivendo in questi giorni devastante, accompagnata a pensieri ossessivi ed anche suicidi. Ho ripreso gli antidepressivi e per fortuna ho una psicoterapeuta che è anche neurologa fantastica. Non so da quanto durano i tuoi sintomi ma la distimia se non è fortemente cronicizzata recede con le giuste cure. Parlane con uno psicoterapeuta e saprà guidarti sulla strada della guarigione. Con fiducia. Angelo.

Maria38
il 26/12/18

Ciao ...io sto lottando contro una depressione che non mi abbandona.a momenti penso di stare bene ma poi ricasco ....io vorrei solo morire....solo cosi troverei la pace 

Lucistella
il 26/12/18

Caro Angel72, grazie della tua puntuale risposta e direi che ci assomigliamo abbastanza. Da anni sono sotto cura da un bravo neuropsichiatra che mi monitora le medicine e la sua diagnosi è che soffro di una grande ansia che a volte diventa distimia, non depressione vera e propia. Per questo, a cicli, prendo il Deniban che è l'unico farmaco che non mi da effetti collaterali, a parte la crescita di peso con cui ho imparato a convivere, anche se non mi piace per nulla! Da ragazza e giovane donna non ne soffrivo, solo dopo la morte di mio papà ho cominciato con l'ansia a epoi con quella di mio fratello e mia mamma sono peggiorata di parecchio. Vedo le cose al negativo e penso sempre il peggio e qs mi spiace per mio figlio che ne soffre abbastanza, anche se cerco di farglielo pesare il meno possibile. Mio marito, medico, cerca di minimizzare la cosa e a volte questo non mi aiuta. Mi spiace per Maria38, spero che tu ti faccia curare, bisogna farsi aiutare, altrimenti non se ne esce!!! I pensieri suicidi, ogni tanto vengono anche a me ma penso a mio figlio e allora li caccio via....Forza e coraggio Maria, se trovi il medico giusto potrai aiutarti e magari uscirne! Auguri!!!!!

Ti piacerà anche

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Agorafobia
Alessitimia
Ansia cronica - Stress
Attacco di panico
Ciclotimia
Claustrofobia
Demenza fronto-temporale
Demenza fronto-temporale con inclusioni tau
Depressione
Dismorfofobia
Distimia
Disturbi del comportamento / Malattie mentali
Disturbi dell'apprendimento
Disturbi dello Spettro Autistico
Disturbi psicotici
Disturbo affettivo stagionale
Disturbo bipolare
Disturbo borderline di personalità
Disturbo d'ansia generalizzato
Disturbo d'ansia sociale
Disturbo della conduzione cardiaca
Disturbo della valvola mitrale
Disturbo disintegrativo dell'infanzia
Disturbo dissociativo dell'identità
Disturbo ossessivo-compulsivo
Disturbo psicotico breve
Fobie
Iperattività
Ipomania
Malattia di Gilles de la Tourette
Malinconia
Mania
Nevrosi
Paranoia
Psicosi
Schizofrenia
Sindrome di Asperger
Sindrome di Coffin-Lowry
Stress
Stress post-traumatico
Talassemia beta
Tic
Tricotillomania

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo
VITAMINA D E DEPRESSIONE

Depressione

VITAMINA D E DEPRESSIONE

Leggi l’articolo
Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Agorafobia
Alessitimia
Ansia cronica - Stress
Attacco di panico
Ciclotimia
Claustrofobia
Demenza fronto-temporale
Demenza fronto-temporale con inclusioni tau
Depressione
Dismorfofobia
Distimia
Disturbi del comportamento / Malattie mentali
Disturbi dell'apprendimento
Disturbi dello Spettro Autistico
Disturbi psicotici
Disturbo affettivo stagionale
Disturbo bipolare
Disturbo borderline di personalità
Disturbo d'ansia generalizzato
Disturbo d'ansia sociale
Disturbo della conduzione cardiaca
Disturbo della valvola mitrale
Disturbo disintegrativo dell'infanzia
Disturbo dissociativo dell'identità
Disturbo ossessivo-compulsivo
Disturbo psicotico breve
Fobie
Iperattività
Ipomania
Malattia di Gilles de la Tourette
Malinconia
Mania
Nevrosi
Paranoia
Psicosi
Schizofrenia
Sindrome di Asperger
Sindrome di Coffin-Lowry
Stress
Stress post-traumatico
Talassemia beta
Tic
Tricotillomania

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo
Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Depressione
Disturbo bipolare

Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Vedi la testimonianza

Schede malattie