«
»

Top

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Pubblicata il 9 nov 2018 • Aggiornato il 4 dic 2020 • Da Louise Bollecker

Diabete: Discriminazione, vita professionale, dispositivi...cosa vogliono veramente i pazienti?

Quali sono le questioni che dovrebbero essere affrontate dai governi? Cosa volete far capire alle persone che non hanno il diabete? Dovrebbe essere cambiato qualcosa in Italia? I nostri membri hanno risposto alle nostre domande sulla Giornata mondiale del diabete, il 14 novembre. Ecco le soluzioni che propongono ed i risultati che li stupiscono.

diabete

Una malattia che non si vede

Come accade in numerose malattie che non si vedono esternamente, a volte è difficile essere capito e riconoscuto come malato quando si ha il diabete. Per @tiotte e @Danone16, dobbiamo parlare di più del diabete e sensibilizzare gli altri: "anche i consiglieri per ottenere una collaboratrice domestica non conoscono la nostra malattia". Lo Stato è anche accusato dai nostri membri: @damien45 deplora che i diabetici siano costretti ad andare dal medico per rinnovare le loro prescrizioni, così come l'eliminazione del pensionamento anticipato a tariffa piena.

Una stigmatizzazione insopportabile

@MOMOETSOSO ha rilanciato un dibattito che nelle ultime settimane ha stimolato la comunità del diabete, ovvero la necessità di controlli medici per mantenere la patente di guida: "Se tutti quelli a rischio dovessero farlo, non capisco perché le persone con problemi alla vista o all'udito, o con problemi cardiaci, non lo farebbero anche loro. @damien45 condivide la sua frustrazione con questa misura, che "richiede ai diabetici di sottoporsi a un esame medico per convalidare la patente di guida".

Allo stesso modo, dover dichiarare il proprio diabete alla prefettura ha un "sapore di stella gialla", espressione forte cui fa eco @pucesmart, che aggiunge che "così tante persone hanno un comportamento più o meno rischioso, attraverso l'assunzione di farmaci, droghe, alcool, ridotta acuità visiva, o comportamenti di guida non sicuri".

Discriminazione professionale

@damien45 nota anche il divieto di esercitare alcune professioni, citando l'esercito, la polizia, il subacqueo e l'aeronautica. Anche per @Lily81 è necessario iniziare ad affrontare la discriminazione professionale: l'urgenza è quella di "formare gli imprenditori a rispettare la legge quando viene richiesto una riorganizzazione". 

Un migliore rapporto tra medici e pazienti

Per @Totor644, è necessario "migliorare la qualità e la durata dei periodi di scambio tra pazienti e medici: più tempo per le consultazioni (30 minuti e non 10) e per il check-up annuale (scambi molto limitati durante il ricovero diurno, che dura non più di 4 ore)". Aggiunge che i pazienti stessi potrebbero aver bisogno di preparare meglio le loro consultazioni per renderle più redditizie e non sperimentarle come intervista per il rinnovo della prescrizione. @pucesmart denuncia l'inadeguatezza delle prescrizioni ospedaliere con i consigli medici che essi stessi raccomandano. Il suo esempio? Mentre i medici consigliano di mangiare pane integrale invece del pane bianco e fare esercizio fisico, quando sono ricoverati in ospedale, ai diabetici vengono serviti 20 grammi di panini bianchi e conchiglie di grano nelle loro camere.....

Materiale che potrebbe essere migliorato

Da parte sua, @Yvelise è interessata ai miglioramenti che i suoi dispositivi medici potrebbero subire: "Apprezzo ogni giorno la mia mini pompa per insulina POD di Dino Santé. Ma perché non potremmo pianificare un cambio di OmniPod, farlo funzionare senza batterie e ricaricarlo come tutti i dispositivi collegati con un cavo? Questo gli permetterebbe di essere costruito più piccolo e  sarebbe meno pesante da trasportare. » @bekkkara34 condivide la sua opinione sull'aspetto vincolante della malattia. Per il nostro membro @Grodge"La cura del diabete non sta in macchine e macchinette ma nella biologia. Quando si scoprirà come ricreare cellule beta ci sarà la soluzione per i malati"

>> Alcuni consigli per sapere quando e quanto spesso si dovrebbe misurare la glicemia è sempre disponibile

 

Pazienti delusi

@mitch30 e @fabach deplorano il fatto che che si tratti di denaro e profitto. Per loro, i laboratori, persino lo Stato, stanno ostacolando l'attuazione di nuovi trattamenti. @pucesmart deplora "la lentezza delle autorità pubbliche o dei laboratori o di entrambi per permetterci di beneficiare degli sviluppi della ricerca". @Michel.did, per parte sua, deplora il fatto che il diabete sia segnalato soltanto una volta all'anno. Disilluso, non crede nei miglioramenti nella sua vita quotidiana e continuerà ad andare "al CHU, aspettare due ore per vedere il medico 5mn e ottenere la mia prescrizione di 6 mesi".

Uno sforzo individuale da fare?

Per @herminatine83, la soluzione non verrà dalle autorità pubbliche, ma dai pazienti stessi. Il membro raccomanda che questi ultimi siano gli attori della loro malattia, al fine di sentirsi meglio: "i diabetici vedono l'insulina troppo come una soluzione miracolosa quando dovrebbero curare la loro dieta". Si tratta di una semplice questione di abitudine: "cercate di prestare attenzione alla vostra dieta ogni giorno e non di tanto in tanto, e vedrete che la vostra emoglobina glicata starà meglio".
Anche i nostri membri ambasciatori italiani sono d’accordo con questo fatto. @giupipino‍ ci dice questo "Quindi svegliamoci, e non facciamoci gabbare dal sistema che ci vorrebbe tutti cronicamente ammalati per lucrare sulle "cure" che, molto generosamente, ci forniscono". Per @EUREKA"Chi ha il diabete deve stare molto attento a quello che mangia per mantenersi in salute. L’obiettivo principale è quello di evitare picchi di zucchero nel sangue".

>> Per vedere come adattare la sua dieta con il diabete, unitevi alla discussione dedicata

Allora, ti unisci al dibattito?
Cosa ti sconvolge nella gestione del diabete?
Cosa deve essere migliorato?

Carenity

avatar Louise Bollecker

Autore: Louise Bollecker, Community Manager France

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche Content Manager per proporre ai membri degli articoli, video e testimonianze. Il suo obiettivo è di portare la voce dei pazienti per far capire meglio la loro... >> Per saperne di più

31 commenti

EUREKA
il 14/11/18

INIZIATIVE A Marsala 
Anche quest’anno il 14 novembre
si celebra in tutto il mondo la
Giornata Mondiale del Diabete,
il tema del 2018 è ‘Famiglia e diabete’.
In ambito locale, Pietro Di Girolamo,
presidente del Lions Club di Marsala,
raccogliendo l’invito dell’Associazione
Diabete Italia, rappresentata da Antonietta
Scarpitta, organizza per giovedì
15 novembre dalle ore 16.30 alle 19 un
presidio informativo e diagnostico
presso l’Atrio del Municipio di Marsala,
ove rivolgere l’informazione ai cittadini.
L’evento consta di due offerte: saranno
distribuiti pieghevoli, materiale
informativo e sarà effettuato un test di
indagine da medici specialisti a chi
vorrà sottoporsi allo screening. L’iniziativa
gode del patrocinio dell’Amministrazione
comunale, sindaco Alberto Di
Girolamo, e il messaggio di prevenzione
sarà veicolato anche attraverso
l’ausilio dei giovani del progetto alternanza
scuola-lavoro dell’Istituto Tecnico
Commerciale "G. Garibaldi" di
Marsala, diretto dalla preside Sara Garamella.
La cittadinanza è invitata a partecipare.
E’ previsto un presidio organizzato dal Lions Club Marsala nell’atrio comunale per il 15 novembre
N.B.  Ci sarò anche io e sarò riconoscibile dalla maglietta con il simbolo "Stemma"  (EUREKA!)   il logo di Eureka è stampato su entrambi i lati Vanti-Retro in formato Gigante.

By Eureka! 

Grodge
il 14/11/18

@mic.pin, ,

Lo Stato ci considera malati gravi noi affetti da DT1 quando ci costringe a rinnovare la patente ogni tre anni dopo i 50 anni, ma sanissimi,  giovani e forti quando non ci riconosce la minima riduzione oraria nel lavoro nè di poter andare in pensione prima degli attuali 42 anni di lavoro!  Che singolare contraddizione di cui nessuno si accorge!

il 14/11/18

Mi associo a quanti sostengono l'ingiustizia di dover rifare il rinnovo della patente ogni anno. Non fai in tempo al rinnovo che sei già in pista per le visite successive per non parlare di quel minuscolo foglietto del diabetologia che attesta che sei diabetico e per il quale sei costretto anche a pagartelo (quest'anno 45euri) oltre ai vari esborsi ed al fastidio di tutti gli appuntamenti. Poi fai la visita, banale, e senza null'altro chiedere ti dicono gliela rinnoviamo per un anno. E un cardiopatico? E se uno all'improvviso ha un infarto? E via di questo passo. Non sanno questi medici soloni che il diabetico ha più cura di se che altri esseri umani? Con le Pio o iperglicemie non si scherza!!!! Già la mortificazione di non poter mangiare quel che si vuole con granu salis. E per chi è poliomielitico come me il disagio di andar di qua e di là....insomma ci vorrebbero più sensibilità, meno burocrazia ma soprattutto rispetto per il diritto ahimè di essere diabetico. 

Giovannimario
il 15/11/18
Non capisco perchè se uno fà dei sacrifici per mantenere il diabete nei valori giusti si viene discriminati,almeno io lo considero così;leggo quì che per avere il Free style libre è cosa ardua per mè lo è stato per il semplice glucometro Menarini,il perchè non avevo valori glicemici importanti,il chè mi ha portato a disertare il centro diabetico ormai da anni.Ho fatto questo passo perchè se io faccio dei sacrifici e non vengono considerati almeno me li godo da solo,tutto quello che mi serve per la misurazione li compro e mi risparmio quel supplizio di alzarsi alle cinque del mattino e ritornare a casa a mezzogiorno se ti và bene.Andare al centro era una prassi che non porta benefici al paziente anzi lo stressa e non solo,convivere con il diabete questo è quello che dovrebbero inculcare e non la catena di montaggio"avanti un'altro"alimentazione ed esercizio fisico questa è la medicina.
Oscar grossi
il 17/11/18

Egregio Giovanni Mario, non è rinunciare alla lotta che si ottiene uno stile di vita migliore, anzi. Sono/siamo certi che se ci muoviamo tutti uniti nella richiesta del free style libre gratuito per tutti i diabetici cronico, sicuramente qualcosa otterremo. In tal senso, mi rivolgo al Sig. BAPTISTE e a chiunque può farlo, di organizzare una grande manifestazione a Roma, dove tutti noi diabetici, chiediamo a gran voce che ci diano più dignità, più strumenti gratuiti per il controllo e la gestione del diabete senza dolore. 

Ti piacerà anche

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Leggi l’articolo
Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Diabete tipo 2

Bari: un gruppo di ricerca scopre una nuova terapia per il diabete

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 1 svolta innovativa al San Matteo

Diabete tipo 1

Diabete di tipo 1 svolta innovativa al San Matteo

Leggi l’articolo

Schede malattie