«
»

Top

La sessualità con una malattia cronica

Pubblicata il 2 giu 2020 • Da Léa Blaszczynski

I disturbi sessuali sarebbero da 2 a 6 volte più frequenti nei casi di malattie croniche e disabilità. Diabete, tumori, malattie cardiovascolari, disturbi psichiatrici, insufficienza renale, malattie neurodegenerative, disturbi respiratori... Queste patologie, che colpiscono il 20% della popolazione, hanno un forte impatto sulla vita sessuale ed emotiva. 

Quali sono i disturbi più comuni? Come parlarne? Quali sono le possibilità di trattamento?

La sessualità con una malattia cronica

Quando si verifica una malattia cronica, tutta la vita quotidiana è sconvolta in ogni suo aspetto. E la vita sessuale non viene risparmiata, anzi.

I disturbi sessuali

I disturbi possono avere un'origine organica o fisica causata dalla malattia. Ad esempio, la disfunzione erettile è da tre a quattro volte più comune nelle persone con diabete. Quasi il 50% degli uomini con insufficienza renale cronica lamenta anche una disfunzione erettile, mentre una percentuale maggiore di donne e uomini con uremia hanno una notevole diminuzione della libido e della frequenza dei rapporti sessuali.

Secondo un'indagine sulla sessualità di persone con varie patologie croniche, la sessualità è un problema per il 27%:

  • dispareunia (dolore durante il rapporto sessuale) per il 18%.
  • mancanza di desiderio: 42% nelle donne e 26% negli uomini
  • anorgasmia (mancanza di orgasmo) per il 40%.
  • disfunzione erettile (incapacità di raggiungere o mantenere l'erezione) per il 23%.
  • eiaculazione precoce per il 41%. 

Alcuni sintomi fisici della malattia possono anche rendere impossibile la pratica sessuale. Questo può essere il caso con difficoltà respiratorie, paralisi o, più semplicemente, stanchezza o dolore. Alcuni trattamenti possono anche causare un disturbo sessuale come effetto collaterale, come gli antidepressivi o gli agenti psicotropi.  

Consultare un sessuologo

La malattia cronica può cambiare il modo in cui una persona guarda a se stessa: perdita di fiducia in se stessa, aumento di peso, depressione, ansia... Lo stato psicologico del paziente può peggiorare, rendendo complicata la nozione stessa di intimità. 

Inoltre, la sessualità può essere una grande fonte di ansia per un paziente affetto da un'infezione cronica a trasmissione sessuale (HIV/AIDS, epatite B e C...). Tuttavia, a parte l'uso obbligatorio del preservativo maschile o femminile, non c'è motivo per cui un paziente non debba avere una vita sessuale soddisfacente.

La sessualità è ancora un tabù troppo radicato nella vita dei pazienti. Non esitate a discuterne con il vostro team medico per trovare una soluzione. I servizi e le associazioni ospedaliere offrono anche consulenze specialistiche con un sessuologo. Questa è un'opportunità per fare il punto sulla sessualità, sulle difficoltà incontrate e per beneficiare delle cure terapeutiche. Alcuni disturbi come la disfunzione erettile, l'eiaculazione precoce o la secchezza vaginale possono essere trattati. La disfunzione erettile viene, ad esempio, trattata con compresse (sildenafil), iniezioni o gel (alprostadil) nell'uretra. La secchezza vaginale può essere facilmente migliorata con un lubrificante a base d'acqua o con acido ialuronico.

Beneficiare di un sostegno psicologico

Consultare un sessuologo o uno psicologo specializzato è altrettanto importante per ottenere informazioni rilevanti al fine di aprire i propri orizzonti: non limitarsi alla penetrazione, scoprire la gamma degli atti erotici, utilizzare oggetti e prodotti dedicati. Il sessuologo può quindi proporre alternative o consigliare di adattare alcune posizioni in base alle difficoltà e/o ai dolori. Ovviamente, la comunicazione è essenziale all'interno della coppia. Ognuno deve poter parlare all'altro dei propri sentimenti per evitare ogni frustrazione e per poter scoprire insieme una nuova forma di sessualità.

Oltre ai circoli di discussione spesso proposti dalle associazioni di pazienti, il forum Carenity può essere ricco di risorse per questo tipo di questioni a volte delicate. "Leggere le vostre testimonianze mi ha fatto molto bene, ha scritto uno dei nostri membri. Pensavo di avere un problema di frigidità, mentre all'inizio della nostra storia andava tutto bene con mio marito. All'epoca avevo solo qualche accesso all'anno e nessun dolore cronico come adesso. Ho perso la mia libido quando ho aumentato gli antidolorifici, ma penso che sia dovuto soprattutto al dolore e alla mancanza di facilità di movimento...". Sentitevi liberi di consultare le discussioni dei vostri gruppi o di proporre un nuovo argomento

Vivere senza desiderio sessuale

Prima di tutto, non avere rapport non ha conseguenze sul corpo, spiega la dottoressa Catherine Solano, sessuologa. E questo non significa l'assenza di una vita sessuale. Ogni notte, quando dormiamo, il corpo ha un'attività sessuale involontaria e incosciente. Negli uomini e nelle donne, dove l'area sessuale si gonfia e si lubrifica e deove il clitoride ha un'erezione.

La malattia può ovviamente avere un impatto sulla sessualità. Alcune malattie che colpiscono un simbolo della femminilità possono quindi "più duramente" colpire la libido di una paziente, secondo Audrey Le Merer, psicologa e psicoterapeuta. Questo può essere il caso del cancro al seno (con o senza mastectomia) o dell'endometriosi. Questi pazienti hanno bisogno di essere aiutati a trovare il giusto supporto psicologico.

La depressione spesso blocca anche la sessualità perché spesso non c'è alcun desiderio, precisa il dottor Solano. E i farmaci antidepressivi riducono anche il desiderio ma anche la lubrificazione nelle donne e l'erezione negli uomini. È importante capire che questa condizione è legata alla malattia e non necessariamente al rapporto e non si deve esitare a parlarne con un medico. 

L'assenza di rapporti sessuali può essere del tutto possibile, purché il desiderio sia soddisfatto altrove e non vi sia sofferenza legata a questa assenza all'interno di una relazione. 

Questo articolo vi è stato utile? Non esitate a condividere la vostra esperienza e il vostro vissuto con la comunità.

Forza a tutte e tutti!

 

avatar Léa Blaszczynski

Autore: Léa Blaszczynski, Online User Experience

Di una formazione in comunicazione specializzata nel digitale, Léa lavora da Carenity sin dal 2013 con l'obiettivo di aiutare il massimo di pazienti e parenti di pazienti a trovare sostegno e non sentirsi più soli di... >> Per saperne di più

3 commenti


Jethro
il 04/06/20

Ho 42 anni, e ho cominciato a soffrire di anorgasmia da quando ne avevo 15. 

Non ho mai avuto disfunzioni erettili, solo anorgasmia quasi sempre accompagnata da mancanza totale di piacere quando invece l'orgasmo arriva, almeno più di metà delle volte.

A 36 anni ho scoperto di essere epilettico e molto depresso, sono stato operato al cervello e in seguito la mia vita lavorativa è diventata un disastro, peggiorando tutti i sintomi, depressione per prima. I vari farmaci che ho cominciato ad assumere hanno abbattuto ulteriormente il desiderio.

Io sono gay, e ora sono unito civilmente, dopo 18 anni di relazione monogama, e mi spiace non avere desiderio di fare sesso, ma mi ritengo comunque molto fortunato. Il sesso c'è, ma non è appagante per me, e noto che anche lui ne soffre un po' di riflesso.

Quando ero più giovane, e mi capitava di incontrare qualcuno e finivamo a fare sesso, l'altra persona pensava sempre di non piacermi, e le due storie "serie" che ho avuto prima sono finite per lo stesso motivo: loro pensavano di non piacermi, sebbene io fossi innamorato. 

Ora vivo con una persona che pure soffre di una malattia cronica, e questo rende molto più facile capirci a vicenda, nonostante ciò mi sono sempre sentito menomato a causa dell'anorgasmia.


RubinoSilvana
il 04/06/20

Dopo una 20ina di anni con le mie varie patologie e depressione avevo perso ogni desiderio compreso ovviamente quello sessuale non avevo il mio fianco una persona che stimo l'asse o che mi aiutasse in questo. Devo dire che negli ultimi tre anni nonostante tutto all'età di 67 anni cioè dall'età di 64 anni ho ripreso l'attività sessuale che va ben oltre quella di quando ero giovane. Da 3 anni mi sento da quel lato un energia è un desiderio incredibile la cosa che mi fa molto felice e mi aiuta a superare le varie patologie tipo diabete ti ipotiroidismo dolori alle gambe dolori alle braccia e in quel momento non sento niente Sono felice e auguro a tutti di di poter ritrovare questo perché conta molto per affrontare una vita dura Grazie


RubinoSilvana
il 04/06/20

Non soffro di insufficenza cardiaca, almeno fino allo scorso anno le indagini dicevano no.Solo cuore ingrossato

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo