«
»

Top

Osteoporosi, promossa sequenza anabolici-monoterapia denosumab in pazienti a rischio elevato frattura

20 giu 2018

Osteoporosi, promossa sequenza anabolici-monoterapia denosumab in pazienti a rischio elevato frattura

In pazienti con osteoporosi e a rischio elevato frattura, precedentemente non trattati, il ricorso ad una strategia di trattamento basata sull'impiego di agenti anabolici, seguiti da monoterapia con denosumab, può minimizzare l'esposizione farmacologica, massimizzando i benefici in termini di forza e densità minerale ossea.

Questi i risultati di uno studio presentato nel corso dell'edizione 2018 del congresso di Reumatologia Clinica a Destin, in Florida (USA).

Tale risultato non implica che le altre opzioni terapeutiche disponibili non funzionino – hanno dichiarato i ricercatori – ma che i farmaci anabolici sarebbero più efficaci meglio nel setting sopra indicato, fra l'altro con benefici anche in termini di costi”. Secondo l'autrice principale dello studio, la prof.ssa Felicia Cosman, gli agenti anabolici – come teriparatide e abaloparatide – sono più efficaci come trattamento in prima battuta rispetto ai farmaci anti-riassorbitivi in ragione del fatto che i farmaci anabolici producono risultati più rapidi contro tutte le fratture cliniche e non vertebrali – con una riduzione compresa tra il 43% e l'86% delle fratture riportate tra 18 e 19 mesi.

Per contro, i farmaci anti-riassorbitivi riducono il rischio di frattura tra il 20% e il 25%, al meglio, e possono richiedere fino a 3 anni di utilizzo prima che i pazienti possano osservare una riduzione significativa del rischio fratturativo.  Non solo: l'effetto dei farmaci anabolici contro le fratture non vertebrali è maggiore di quello osservato con i migliori farmaci anti-riassorbitivi, con una riduzione sostenuta del rischio di frattura anche dopo transizione alla terapia anti-riassorbitiva.

I ricercatori hanno anche notato che i migliori incrementi di densità minerale ossea sono stati documentati in pazienti che sono ricorsi alla terapia anabolica come trattamento di prima linea, seguito da un potente farmaco anti-riassorbitivo. A tal riguardo, la prof.ssa Cosman ha aggiunto che l'utilizzo di denosumab come trattamento di seconda linea è in grado di determinare un intervallo libero da fratture compreso tra 3 e 5 anni, e può aiutare i pazienti a raggiungere i goal di densità minerale ossea desiderati.

Penso – ha affermato la prof.ssa Cosman – che si debba essere certi di seguire la sequenza ottimale di trattamento, se siamo nelle condizioni di farlo o che, perlomeno, si debba essere d'accordo che questo è l'obiettivo primario da raggiungere: cominciare con l'anabolico, seguito da denosumab e, da ultimo, dal trattamento intermittente con un bisfosfonato”.

Commenti

il 23/06/18

Ho fatto diversi tipi di bifosnonati  per almeno 7 anni...ultimo bonasol e sospeso perché dissenteria e perdita di peso e diverse infiammazioni delle gengive...ora in attesa di iniziare binosto il quale però non mi convince affatto visto i principi che sono praticamente uguali.....

il 24/06/18

Grazie mille del tuo contributo @pseudonimo nascosto‍ 

Qualcuno vuole condividere la sua esperienza con noi? Vi ringrazio in anticipo. Buona domenica a tutta la comunità 

il 09/07/18

Buongiorno a tutti,
sto lavorando ad un progetto che vuole capire come le persone con malattie croniche reumatiche si informano e si aggiornano sulla propria condizione. È un brevissimo sondaggio di 7 domande, completamente anonimo. Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità e se volete sarò lieto di condividere con voi i risultati di questa breve indagine. Di seguito il link

/ contenuto moderato / 


Grazie di cuore,
Filippo

il 17/07/18

Buongiorno a tutti, 

mi è stata diagnosticata l'osteoporosi e consigliata una terapia che però per ora non ho accettato di iniziare dato che il medico mi ha detto che se dovessi avere dei problemi odontoiatrici durante la terapia correrei il rischio di necrosi della mandibola e questo fatto mi ha spaventata parecchio. Deciderò alla prossima MOC tra un paio di anni.

Avrei piacere di partecipare al questionario. come si fa?

il 30/08/18

Ciao a tutti, ho 30 anni e mi è stata diagnosticata l'osteoporosi precoce, vorrei sapere se c è qualcuno con cui confrontarmi, in quanto la notizia mi ha leggermente scombussolato... Grazie a tutti

Ti piacerà anche

Fine di vita assistita: cosa vogliono veramente i pazienti e i loro cari

Fine di vita assistita: cosa vogliono veramente i pazienti e i loro cari

Leggi l’articolo
Un nuovo metodo per evitare gli errori medici, anche in caso di ricovero

Un nuovo metodo per evitare gli errori medici, anche in caso di ricovero

Leggi l’articolo
Quali sintomi sono più pesanti per i pazienti?

Quali sintomi sono più pesanti per i pazienti?

Leggi l’articolo
Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con il paracetamolo?

Quali malattie e quali farmaci sono incompatibili con il paracetamolo?

Leggi l’articolo