«
»

Top

Ruoli delle mutazioni BRCA1/BRCA2 e dello stato HER2 nella gestione del tumore del seno

Pubblicata il 4 feb 2021 • Da Doriany Samair

Le mutazioni dei geni BRAC1 e 2 sono state ampiamente riconosciute come predisposizioni genetiche al tumore del seno. Cosa significa essere portatore di queste mutazioni? Qual è lo stato HER2, che viene sistematicamente ricercato quando viene diagnosticato il tumore del seno? Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Ruoli delle mutazioni BRCA1/BRCA2 e dello stato HER2 nella gestione del tumore del seno

Lo screening

Il tumore del seno è il cancro più comune nelle donne e colpisce circa una donna su otto. . 

La strategia di screening sistematico del tumore del seno

Chi è interessato? 

Le donne dai 50 ai 74 anni sono sottoposte a screening, di solito ogni due anni, anche se non hanno sintomi o fattori di rischio. Si considera che dai 50 ai 74 anni (post-menopausa), una donna è a maggior rischio di sviluppare il cancro al seno.

Le donne con fattori di rischio (presenza di cancro al seno nell'ambiente immediato) sono soggette a una sorveglianza personalizzata. Infatti, nella storia di questo cancro, è importante prendere in considerazione la storia familiare e la storia della salute della famiglia. Le raccomandazioni per lo screening variano a seconda della storia della salute della famiglia: la sorveglianza è più stretta nelle donne "a rischio" e più precoce.

Quali sono gli esami di screening?

Ogni due anni, lo screening consiste in una mammografia e un esame clinico (tramite palpazione e interrogazione della paziente). In seguito, altri esami possono completare la diagnosi: biopsia, risonanza magnetica o anche un'ecografia.

Lo scopo di questo screening è quello di rilevare precocemente qualsiasi cellula cancerosa, non palpabile o tutte le forme di cancro asintomatico. Infatti, rilevato in una fase iniziale, un cancro al seno ha più del 90% di possibilità di essere curato.

Test genetici: mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2

Perché fare un test genetico?

L'insorgenza del tumore del seno è quindi spesso legata alla storia familiare di una donna e alla presenza di mutazioni specifiche. L'individuazione delle mutazioni attraverso i test genetici è in prima linea nella strategia diagnostica e svolge un importante ruolo preventivo.

Non soltanto mutazioni ereditarie!

Va notato che lo sviluppo di questo tipo di cancro è favorito dall'esistenza sottostante di mutazioni ereditarie nei geni BRCA1 e BRCA2, e più raramente PALB2. Questi 3 geni sono i più coinvolti (2-5%) nello sviluppo del tumore del seno, ma altri geni di predisposizione sono stati recentemente identificati.

Il rischio di sviluppare un tumore del seno nella popolazione generale è del 12%. Questo rischio è notevolmente aumentato nella popolazione con le mutazioni del gene:

  • Con BRCA1: il rischio è del 45 % prima dei 50 anni e del 70 % prima degli 80 anni;
  • Con BRCA2 : il rischio è del 35 % prima dei 50 anni e del 70 % prima degli 80 anni.

La nozione di rischio si riferisce all'idea che si può essere portatori di una di queste mutazioni e dichiarare la malattia, ma lascia anche la possibilità che, essendo un portatore, il cancro non si sviluppi mai.

Il numero di donne che sarebbero predisposte al cancro al seno ha raggiunto i 120.000. Quando si scopre l'esistenza di una predisposizione all'interno di una famiglia, si raccomanda di proporre test genetici ai parenti per identificare coloro che sono predisposti e raccomandare un follow-up appropriato, o per rassicurare coloro che non sono portatori della mutazione.

La presenza di mutazioni genetiche non è sempre legata al background familiare. Nel 50% delle donne con una di queste mutazioni, non c'era una storia familiare. Ecco perché è altrettanto importante studiare i rischi individuali: fumo, alcol, dieta, stile di vita. Le autorità sanitarie si stanno addirittura ponendo il problema di estendere le raccomandazioni dei test genetici.

In seguito all'individuazione delle mutazioni BRCA1 e BRCA2, la gestione di una paziente può andare dal semplice monitoraggio stretto alla chirurgia preventiva (mastectomia, rimozione della ghiandola mammaria, per anticipazione).

Lo stato HER2

Oltre all'importante aspetto preventivo, un test genetico ha anche un ruolo predittivo. Quando un cancro è confermato, la caratterizzazione genetica del cancro può essere utilizzata per prevedere l'evoluzione della malattia, la sua prognosi (aggressività e metastasi) o l'efficacia o la resistenza di un trattamento. Per esempio, alcune terapie mirate sono più appropriate ed efficaci nel trattamento del cancro a causa di un tipo di mutazione. Conoscere questa firma genetica del cancro guida la scelta della terapia, con l'obiettivo di personalizzare il più possibile il trattamento.

Lo stato HER2 è sistematicamente ricercato nelle donne con diagnosi di tumore del seno. È dal campione di biopsia che si cerca l'anomalia.

HER2, cos'è?

HER2 , « human epidermal growth factor receptor 2 » o recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano, è un recettore di membrana naturalmente presente nelle cellule del seno e coinvolto nella regolazione della proliferazione e della crescita cellulare. HER2 è esso stesso un recettore la cui sovraespressione può promuovere la formazione di un tumore. Infatti, sulla superficie delle cellule del seno, stimola la loro crescita.

Con quali esami?

Oggi si possono effettuare due test: IHC, ImmunoHistoChemistry, che consiste nel quantificare la presenza della proteina HER2 direttamente nelle cellule tumorali o tramite FISH, una tecnica di immunofluorescenza che evidenzia l'amplificazione del gene HER2. A seconda della quantità di HER2, il tumore è detto HER2+ o HER-. Dal 12 al 20% dei tumori al seno sono HER2+. In questi casi, può essere offerta una terapia mirata anti-HER2. 

Le terapie mirate anti HER2

Nell'ambito del trattamento del tumore del seno HER2+ sovraesposto, le terapie mirate sono diventate la scelta numero uno. Queste terapie colpiranno in modo preciso e specifico il meccanismo di sviluppo e di sopravvivenza delle cellule tumorali. A differenza delle chemioterapie più convenzionali in cui la modalità di azione è quella di distruggere le cellule tumorali, l'obiettivo qui è quello di affamare il tumore e privarlo dei fattori di crescita. 

Le terapie mirate anti-HER2 sono somministrate per via endovenosa o sottocutanea. Questi includono trastuzumab (Herceptin®), pertuzumab (Perjeta® e Kadcyla®) o Lapatinib (Tyverb®).

Questa modalità di trattamento ha migliorato significativamente la gestione dei pazienti e la prognosi del tumore del seno.

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!



avatar Doriany Samair

Autore: Doriany Samair, Assistente di Marketing Digitale

All'interno del team di Marketing Digitale, Doriany si occupa di scrivere schede malattie e articoli scientifici. Si occupa anche della moderazione e dell'animazione della comunità sul forum, al fine di consentire... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Tumore del seno

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del seno

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del seno

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Tumore del seno

Tumore al seno, il test per decidere a chi serve la chemioterapia

Leggi l’articolo

Scheda malattia