«
»

Top

Il trattamento della depressione: CymbaltaⓇ e LaroxylⓇ, cosa sono?

Pubblicata il 1 mag 2021 • Da Aurélien De Biagi

La depressione è un cambiamento d'umore caratterizzato da disturbi del pensiero e da manifestazioni fisiche (perdita di vitalità, mal di testa, disturbi del sonno, rallentamento psicomotorio). Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è il principale fattore di morbilità e disabilità in tutto il mondo. Questa malattia colpisce tutte le età, dai bambini agli adolescenti e agli anziani.

Come si cura la depressione? Quali sono le famiglie di antidepressivi? Leggete il nostro articolo per saperne di più! 


Il trattamento della depressione: CymbaltaⓇ e LaroxylⓇ, cosa sono?

Antidepressivi

La classe farmaceutica degli antidepressivi è divisa in diverse famiglie. Essi sono i seguenti: IRS, IRSNA, triciclici o imipraminici, IMAO e infine atipici

Fisiopatologicamente, la depressione è caratterizzata da un deficit di certi neurotrasmettitori (serotonina, noradrenalina e dopamina). Questi permettono la comunicazione tra i neuroni. 

Gli antidepressivi mirano quindi ad aumentare la concentrazione di neurotrasmettitori. 

Questi farmaci sono efficaci in circa il 70% dei casi. Inoltre, c'è un ritardo da 2 a 4 settimane tra la prima assunzione e l'inizio degli effetti terapeutici. Va notato che gli effetti indesiderati possono essere avvertiti fin dall'inizio del trattamento. Questo può portare alcuni pazienti a smettere prematuramente di prendere il loro farmaco.

Inoltre, per accompagnare il paziente durante questo periodo di latenza, possono essere prescritti in aggiunta degli ansiolitici ad azione rapida (benzodiazepine per esempio). Tuttavia, gli ansiolitici non curano la depressione. Riducono semplicemente alcuni sintomi come i disturbi del sonno e l'ansia. Non sono generalmente prescritti per più di 4 settimane (rischio di dipendenza). Se la depressione è complicata da disturbi d'ansia persistenti, può essere prescritto un antidepressivo con attività ansiolitica. 

Il sollevamento dell'inibizione motoria è una seconda ragione per prescrivere i neurolettici all'inizio del trattamento. Infatti, quando si assumono antidepressivi, durante i primi giorni o settimane di trattamento (quando l'effetto benefico non è ancora presente), il paziente può provare ansia (o un aggravamento di un'ansia già presente). Inoltre, il sollevamento dell'inibizione motoria (inibizione dovuta alla depressione) avverrà più rapidamente dell'inversione dell'umore. Per questo motivo, il rischio di suicidio aumenta, soprattutto nei pazienti che già lo hanno o che hanno pensieri oscuri.

Inoltre, il trattamento antidepressivo supera spesso i 6 mesi per consolidare il recupero. Per evitare qualsiasi rischio di ricaduta, anche se il paziente non sente più gli effetti della patologia, la durata del trattamento deve essere rispettata. Inoltre, il trattamento deve essere interrotto gradualmente, abbassando la dose a poco a poco fino a quando non viene interrotto completamente.

D'altra parte, tutti gli antidepressivi possono scatenare episodi maniacali (rivelando un disturbo bipolare) in persone predisposte. Pertanto, in caso di euforia, eccitazione insolita o comportamento anormale, è necessaria una consultazione medica. 

Ora esamineremo più in dettaglio due farmaci: il CymbaltaⓇ (duloxetina) e il LaroxylⓇ (amitriptilina).

Il Cymbalta (duloxetina)

CymbaltaⓇ o duloxetina in nome comune internazionale (INN) è un antidepressivo della famiglia degli inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (IRSNA). Con la sua azione, la duloxetina impedisce la ricaptazione di questi due neurotrasmettitori, aumentando così la loro concentrazione.

Oltre alla sua azione antidepressiva, questo farmaco è anche usato come ansiolitico nei casi di ansia generalizzata e come analgesico nel trattamento del dolore neuropatico diabetico.

Effetti collaterali e controindicazioni (non esaustivo)

La duloxetina può essere usata in diverse indicazioni. Qualunque cosa sia, è importante conoscerne gli effetti collaterali e le controindicazioni. 

Gli effetti collaterali più comuni osservati con CymbaltaⓇ sono: effetti digestivi (nausea), effetti anticolinergici (bocca secca, costipazione), sedazione, vertigini, mal di testa (cefalea), sudorazione eccessiva, perdita di peso...

Nell'1-10% dei casi, sono stati osservati i seguenti effetti: disturbi sessuali, vomito, sogni anormali, tinnito, visione offuscata...

Infine, in meno dell'1% dei casi, i pazienti hanno sperimentato allucinazioni, disturbi del gusto, aumento di peso, aumento dei livelli di zucchero nel sangue, epistassi (sangue dal naso) e ipertensione arteriosa.

La duloxetina è controindicata nei pazienti con ipertensione arteriosa non controllata. A causa dell'aumento della norepinefrina, in rari casi, i pazienti possono sperimentare crisi ipertensive (più comuni in pazienti con ipertensione preesistente). Pertanto, nei pazienti con ipertensione e/o malattie cardiache, si raccomanda il monitoraggio della pressione sanguigna, soprattutto durante il primo mese di trattamento. L'aggiustamento del dosaggio o l'interruzione della duloxetina devono essere considerati nei pazienti con aumenti persistenti della pressione sanguigna.

I pazienti che assumono anticoagulanti o agenti antipiastrinici o che sono inclini al sanguinamento devono essere cauti nell'uso di questo farmaco a causa del rischio di sanguinamento.

Di più, gli aggiustamenti del dosaggio devono essere fatti nei pazienti con insufficienza renale da lieve a moderata (IR). Per i pazienti sottoposti a dialisi per grave insufficienza renale, la duloxetina è controindicata (aumento della concentrazione plasmatica).

Inoltre, la combinazione di CymbaltaⓇ con prodotti contenenti erba di San Giovanni può aumentare la frequenza degli effetti avversi. 

Infine, come per qualsiasi farmaco psicotropo, si consiglia di evitare l'associazione con l'alcol o altri prodotti che agiscono sul sistema nervoso centrale (aumento del rischio di sonnolenza), anche se non è stata osservata alcuna interazione chiara.

Interazioni tra farmaci (non esaustivo)

Gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO), un'altra famiglia di antidepressivi, principalmente quelli irreversibili non selettivi (Iproniazid), presentano un rischio di interazione con la duloxetina. Infatti, la combinazione di questi due trattamenti può causare una sindrome da serotonina (stato mentale alterato, tachicardia, ipertensione, diarrea, ipertermia, tremori e brividi).

Inoltre, qualsiasi combinazione con altri agenti serotoninergici (come altri antidepressivi) dovrebbe essere evitata. In rari casi, sono state descritte sindromi da serotonina. Questo tipo di sindrome può richiedere l'ospedalizzazione o addirittura causare la morte. 

Opinione dei pazienti

Secondo la scheda farmaco di Carenity, 152 di voi hanno dato la loro opinione. Avete stimato la sua efficacia al 60% circa. 

Avete anche giudicato i suoi effetti collaterali come fastidiosi al 61% (principalmente sudorazione, aumento di peso e problemi digestivi).

LaroxylⓇ (amitriptilina)

LaroxylⓇ o amitriptilina in INN è anche un antidepressivo. È un membro della famiglia degli imipramini o triciclici

Come la duloxetina, l'amitriptilina non è usata solo nel trattamento della depressione. 

È anche usata negli adulti per trattare il dolore neuropatico, l'emicrania (e altri mal di testa correlati) e l'herpes zoster.

Nei bambini sopra i 6 anni, LaroxylⓇ può anche essere usato per il trattamento dell'enuresi notturna ("pipì nel letto").

Effetti collaterali e controindicazioni (non esaustivo)

Gli effetti collaterali degli imipramini sono dovuti al loro meccanismo d'azione. Infatti, sono responsabili di effetti anticolinergici periferici (secchezza delle fauci, ritenzione urinaria, stipsi, tachicardia) e centrali (tremori, disturbi della memoria, confusione e convulsioni in persone predisposte come gli epilettici e gli alcolisti). Sono state osservate anche disfunzioni erettili e vertigini.

In alcuni pazienti sono stati descritti anche sedazione e aumento di peso.

D'altra parte, gli imipraminici sono controindicati in caso di ipertrofia prostatica benigna, adenoma prostatico, glaucoma ad angolo chiuso o malattie cardiache (a causa degli effetti ipotensivi, tachicardia e aritmia). A causa di quest'ultima controindicazione, un elettrocardiogramma è raccomandato prima dell'introduzione del trattamento.

Interazioni tra farmaci (non esaustivo)

Questa famiglia di farmaci non deve essere combinata con antidepressivi IMAO (rischio di sindrome da serotonina) o sultopride (un antipsicotico) a causa dell'aumentato rischio di disturbi del ritmo cardiaco. 

Come per la duloxetina, l'associazione con alcol o altri prodotti che agiscono sul sistema nervoso centrale (SNC) a causa della diminuzione della vigilanza è controindicata. Tra questi prodotti possiamo citare le benzodiazepine, gli ipnotici ma anche alcune morfine.

Opinione dei pazienti

Secondo la scheda farmaco Carenity, avete valutato questo trattamento come 59,4% efficace con una percezione degli effetti collaterali del 63,4%.

Conclusione

Questi due antidepressivi appartengono a due famiglie diverse. Tuttavia, condividono alcune caratteristiche comuni. Sono trattamenti che agiscono sui neurotrasmettitori e quindi permettono un cambiamento positivo dell'umore (nessun effetto sull'umore del soggetto sano).

A causa delle loro azioni, questi farmaci hanno molte interazioni ed effetti collaterali. Pertanto, prima di prendere qualsiasi altro trattamento, si raccomanda di informare il medico, il farmacista e il dentista del suo trattamento antidepressivo (possibile interazione con gli anestetici locali).

Questo articolo vi è stato utile? Condividete e esprimete la vostra opinione!

A presto! 

Forza a tutte e tutti!


avatar Aurélien De Biagi

Autore: Aurélien De Biagi, Redattore di Salute, studente di farmacia

Aurélien è uno studente al 5° anno di farmacia all'Università della Lorena. Scrive articoli sulla salute per Carenity. Ha un interesse particolare per la neuropsichiatria e il campo cardiovascolare.

Desidera... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Depressione

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo
Dormire solo 6 ore porta ansia e depressione

Depressione

Dormire solo 6 ore porta ansia e depressione

Leggi l’articolo
Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Depressione

Convivere con il disturbo bipolare dall'età di 17 anni

Vedi la testimonianza
La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Depressione

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo

Scheda malattia