«
»

Top

BPCO – Affrontare l’isolamento e la depressione

Pubblicata il 15 nov 2017 • Da Léa Blaszczynski

BPCO – Affrontare l’isolamento e la depressione

Per la Giornata mondiale della broncopneumopatia cronica ostruttiva, abbiamo raccolto il parere dei nostri membri affetti da BPCO. Zoom su questa patologia invisibile che uccide ogni anno più di 3 milioni di persone nel mondo.

Journée mondiale BPCO

È una malattia poco concosciuta. Inoltre, il 73% dei nostri membri Carenity ignorava tutto dalla BPCO prima della diagnosi. È una malattia che si ritiene legata al tabagismo, e se il 73% dei membri interrogati fumava, effettivamente, nel passato, gli altri non hanno mai toccato una sigaretta. È una malattia invisibile che tendiamo a confondere con l’asma o lo stress mentre colpisce 210 milioni di persone nel mondo e più di 6 milioni in Italia.

 « È una malattia da non augurare a nessuno »

 È soprattutto una malattia grave e invalidante. Una malattia che isola. « Sono sempre nervoso verso tutti », scrive un membro. « Non posso stare nei luoghi affollati » scrive un’altro. Alcuni hanno lasciato completamente le attività fisiche (40%).

 « Sono in ossigenoterapia, ho dovuto lasciare il lavoro, non ho forza per fare ciò che vorrei »

L’ossigenoterapia è pesante ma rende più piacevole la vita del paziente. Permette di vivere più a lungo. Ma secondo la necessità di ossigeno, il livello di complicazione può aumentare. Quindi è difficile di organizzare una vita pratica. « la BPCO contribuisce a rendere più difficile una vita abbastanza normale ». E quando tutto sembra a posto, si deve ancora affrontare l’incomprensione della gente. « Nel momento in cui ho le crisi di fame d'aria chi mi sta vicino va sempre in apprensione nonostante lo rassicuro che tutto è sotto controllo,  è sinceramente mi complica un po il modo di stare in mezzo alla gente che non mi conosce ».

Con la mancanza di mobilità appare la paura dello sforzo. « difficolta' sempre piu' accentuata a camminare e a fare anche il minimo sforzo, con limitazioni alla vita sociale », « Non mi permette di avere una vita attiva e soddisfacente ». Tutti i membri temono della stessa cosa: le crisi di insufficienza respiratoria. Il 47% dei membri interrogati pensa che i trattamenti esistenti « non permettono di guarire » e « la ricerca procede troppo lentamente »(33%).

Altri membri parlano delle conseguenze negative della BPCO sul « riposo e la funzione cardiaca a causa della tosse », « Ho pure le apnee notturne e da 12 anni utilizzo un ventilatore con aggiunta di ossigeno durante la notte ».

Una malattia sotto-diagnosticata

Le donne sono sempre più colpite dalla BPCO, la quale era considerata, in passato, come una malattia destinata agli uomini e ex fumatori. In effetti, le donne sono biologicamente più sensibili agli effetti tossici del tabacco. « Il numero delle donne affette da BPCO aumenta costantemente: 1,7% ogni anno dalla fine degli anni 1970 » ci spiega la Professoressa Raherison, presidente dell’associazione Donne e polmone della Società di pneumologia Francese.

Però, le donne sono ancora sotto-diagnosticate. « Per le donne, il medico pensa più spontaneamente all’asma », deplora Emilie Zard, coordinatore degli specializzandi al Centro ospedaliero di Creteil. « È una malattia che ha ricevuto poca attenzione , al contrario delle malattie principali come le malattie cardiovascolari, il cancro o il diabete » osserva il Professore Theo Vos che sta conducendo uno studio sulla valutazione dell’asma et della BPCO presso l’università di Washington.

In effetti, il 100% dei membri pensa che non ci sia abbastanza prevenzione sulla BPCO.

(*) Sondaggio Giornata mondiale della BPCO per Carenity, novembre 2017.

------------------------------------------------------------------------------------
Tecniche di tosse

Tra i mezzi di alleviare i sintomi della BPCO, il 60% dei nostri membri ha seguito un programma di riabilitazione respiratoria e il 27% pratica delle tecniche di tosse come la tosse controllata:

1.     Siediti comodamente

2.     Inclina leggermente la testa in avanti

3.     Metti la pianta dei piedi fermamente a terra

4.     Inspira profondamente dal naso

5.     Tossisci due volte, con la bocca  leggermente socchiusa. La prima volta per staccare le secrezioni e la seconda per far salire le secrezioni nella tua gola.

6.     Sputa le secrezioni in un fazzoletto

7.     Prendi una pausa e ricomincia a tossire una o due volte se il processo non ha funzionato.

 

Carenity

avatar Léa Blaszczynski

Autore: Léa Blaszczynski, Online User Experience

Di una formazione in comunicazione specializzata nel digitale, Léa lavora da Carenity sin dal 2013 con l'obiettivo di aiutare il massimo di pazienti e parenti di pazienti a trovare sostegno e non sentirsi più soli di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Tumore del polmone

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Tumore del polmone

Stanchezza e dolore, problemi persistenti dopo la fine del cancro

Leggi l’articolo
Tumore e alimentazione: i consigli di una dietista (2/2)

Tumore del polmone

Tumore e alimentazione: i consigli di una dietista (2/2)

Leggi l’articolo
Ictus, demenza o Parkinson: 1 donna su 2 e 1 uomo su 3 a rischio

Sclerosi laterale primitiva

Ictus, demenza o Parkinson: 1 donna su 2 e 1 uomo su 3 a rischio

Leggi l’articolo

Scheda malattia