«
»

Top

Coronavirus e diabete

29 apr 2020 • 1 commento

Secondo il Centro Europeo di Studi del diabete, in Italia una persona su 60 ha il diabete e da 500 a 800.000 persone non lo sanno ancora. Il diabete di tipo 2 rappresenta oltre il 90% dei casi. I pazienti diabetici insulino-dipendenti (che non secernono più insulina) e quelli con complicazioni del diabete (neuropatia, nefropatia, malattie cardiovascolari...) hanno un rischio maggiore di sviluppare una forma grave secondo l'Istituto Superiore di Sanità.

Cosa spiega questo rischio? Come proteggersi? Dobbiamo temere una carenza di trattamenti anti diabetici? Rispondiamo a tutte le vostre domande!

Coronavirus e diabete

Perché il mio diabete mi mette a maggior rischio di complicazioni?

Secondo il Professore Lyse Bordier, Capo del Dipartimento di Diabetologia dell'ospedale militare di Begin, i pazienti diabetici hanno difese immunitarie più deboli rispetto ai pazienti sani. Il loro corpo si difende quindi meno bene in caso di contaminazione da SARS-CoV-2 (coronavirus) e possono sviluppare una grave forma di infezione.

Il diabete mal controllato porta ad una più frequente iperglicemia, che colpisce anche gli organi e le difese immunitarie, portando a possibili complicazioni in caso di infezione.

Questo rischio è ancora maggiore se soffrite di comorbidità, cioè di altre patologie associate al diabete, come l'ipertensione arteriosa e altri problemi cardiovascolari, il sovrappeso o l'obesità.

Uno studio pubblicato sull'American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine su pazienti ricoverati in ospedale in Cina tra il 9 gennaio e il 15 febbraio 2020, ha mostrato che la maggior parte dei pazienti che sono morti a seguito di complicazioni di infezione erano uomini intorno ai 50 anni di età che presentavano ipertensione arteriosa o diabete (senza specificare quale tipo di diabete).

Il COVID-19 può peggiorare il mio diabete?

Il Prof. Bordier sottolinea che l'infezione da coronavirus può anche aggravare il diabete in un paziente stabile. Infatti, i pazienti diabetici ospedalizzati possono avere un aumentato delle esigenze di insulina per i pazienti insulino-dipendenti, o possono richiedere il passaggio alla terapia insulinica per i pazienti trattati con farmaci antidiabetici orali come METFORMIN, GLUCOPHAGE, AMAREL o DIAMICRON.

Ci sono diverse ipotesi, secondo il Prof. Bordier, su questa destabilizzazione del diabete da parte del virus. Tuttavia, a causa della mancanza di informazioni sull'epidemia, nessuno di queste ipotesi è stata per il momento scientificamente convalidata.
Queste ipotesi sono le seguenti: 

  • la glicemia può essere destabilizzata dai meccanismi di infezione
  • il SARS-CoV-2 potrebbe avere un'azione diretta su organi come il pancreas e il fegato, con conseguente alterazione della secrezione di insulina.

C'è un rischio diverso in funzione dell'età dei pazienti diabetici?

Indipendentemente dalla patologia cronica e dal fatto che ci sia o no una patologia cronica, il rischio di sviluppare complicazioni con COVID-19 aumenta con l'età. Infatti, più si è anziani, meno efficace è il sistema immunitario nel proteggervi dalle infezioni.
Quindi i pazienti diabetici più anziani sono più esposti a questo rischio.

Il prediabete è un fattore di rischio di complicazioni?

Ricordiamo che il prediabete è definito da una glicemia a digiuno tra 1,10 g/L e 1,25 g/L. Il prediabete può essere osservato prima del passaggio al diabete di tipo 2 (glicemia a digiuno > 1,25 g/L), e può anche essere stabilizzato da adattamenti dietetici e dello stile di vita.

Anche se non si soffre di iperglicemia nella fase prediabete, questo livello di glucosio nel sangue superiore al normale può esporvi a un rischio di destabilizzazione della vostra glicemia in caso di infezione da coronavirus. Ciò può portare a un diabete di tipo 2 insulino-dipendente transitorio durante il periodo di infezione.

A causa della mancanza di dati, non è chiaro se l'infezione possa portare anche a una transizione dal prediabete al diabete a lungo termine dopo la guarigione.

Come mantenere un diabete stabilizzato nonostante i cambiamenti di vita che comporta il confinamento?

Il professore Bordier ricorda alcuni consigli essenziali come:

  • Rafforzare il monitoraggio autoglicemico per assicurarvi che il vostro diabete sia stabile.
  • Avere abbastanza per "durare" 2 settimane per il trattamento (insulina in particolare) ma anche le apparecchiature di trattamento (aghi, cateteri e serbatoi o capsule, schema di sostituzione, batterie), apparecchiature di monitoraggio (sensori, strisce per glucosio e acetone, lettore, batterie e/o caricatore), glucosio, kit Glucagen.
  • Mantenere un'attività fisica quotidiana anche moderata.
  • Sapere cosa fare in caso di squilibrio diabetico (ipoglicemia in particolare): ricerca di acetone, bolo di correzione...
  • Avere a disposizione i numeri di emergenza: 112/118, il numero dello studio o del reparto di diabetologia, i numeri di guardia medica e tecnica in caso di trattamento con la pompa.
  • Mantenere un rapporto terapeutico con il proprio medico curante o diabetologo, se possibile tramite teleconsulto, al fine di evitare la comparsa di gravi complicanze specifiche del diabete. È inoltre essenziale continuare il necessario trattamento e monitoraggio cardiologico e il monitoraggio diabetologico, podologico, oftalmologico o nefrologico.
  • Evitare di recarvi nei laboratori di analisi (dove esiste un potenziale rischio di contaminazione) a meno che il vostro medico non vi dica che l'analisi è urgente e ovviamente necessaria. Se avete domande sui vostri esami e test, non esitate a chiedere al vostro medico. Secondo la Società Italiana di diabetologia, un test HbA1c può essere rinviato di un mese, senza conseguenze. In ogni caso e in tutti i casi, dovete rispettare le misure e i gesti barriera.

Ho una ferita al piede: posso rinviare le mie cure?

L'Associazione Italiana Podologi permette ai pazienti affetti da diabete (e altre ALD) di essere curati rapidamente e per limitare i rischi di complicazioni dovute a ritardi nelle cure, che possono essere fonte di pesanti ricoveri ospedalieri.

Se pensate di aver bisogno di cure podologiche d'emergenza (ferita, lesione anormale...), contattate il vostro abituale podologo o direttamente il vostro medico di base che valuterà l'urgenza della vostra situazione e vi indirizzerà, se necessario, e su prescrizione medica, alla struttura di emergenza della vostra provincia.

Dobbiamo temere una carenza di trattamenti anti diabetici?

Non ci sono prove che i farmaci per il diabete (insulina e altri) possano essere a corto. Allo stesso modo, non vi sono attualmente carenze di forniture per dispositivi medici (sensori, materiali di consumo).

Come posso trovare supporto su Carenity?

Carenità ha attualmente migliaia di pazienti e parenti di pazienti affetti da diabete di tipo 1 e di tipo 2. Sulla piattaforma è possibile trovare il supporto di altri membri della comunità. È importante aiutarsi a vicenda soprattutto in questo difficile contesto della pandemia di Covid-19. Unitevi ora alle discussioni del momento! 

Contatti e siti utili

  • Fondazione Italiana Diabete: La Fondazione Italiana Diabete (FID) costituita nel 2009, collabora con i principali istituti di ricerca sul diabete tipo 1. Si pone oggi come punto di riferimento in Italia per il sostegno alla ricerca. L’obiettivo principale della Fondazione è la ricerca scientifica per trovare una cura definitiva al diabete
  • Diabete Italia Onlus: Diabete Italia nasce nel 2002. E' un'Associazione che raggruppa i vari stackeholder del mondo del diabete in Italia. I suoi soci sono le società scientifiche e le associazioni dei pazienti.
  • La Società Italiana di Diabetologia (SID), è una associazione no-profit, articolata in 17 sezioni regionali. La SID mira a tutelare gli interessi delle persone con diabete e delle loro famiglie, a promuovere la conoscenza della malattia per migliorarne la diagnosi e la cura, a far implementare strategie di prevenzione primaria, secondaria e terziaria, a valorizzare l’operato dei diabetologi e di quanti operano nella lotta al diabete.
avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

Commenti

oigresotnip
il 30/04/20

Ho 80 anni. Affetto da diabete tipo 2. Nel 1995 sono stato sottoposto a tre by-pass. Ho l'artrosi ai piedi e quindi deambulo poco. Ciò non mi permette che camminare molto poco e con continue soste. 1.76 di altezza, 85 kg peso. La mia dieta; Colazione leggera al mattino, primo e frutta a mezzogiorno, secondo con contorno alla sera

Ti piacerà anche

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2: conoscere meglio la Metformina

Leggi l’articolo
Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Diabete tipo 2

Diabete di tipo 2, efficacia della terapia combinata exenatide più dapagliflozin si mantiene anche nel lungo periodo

Leggi l’articolo
Diabete tipo 2 Pediatrico:riduzione del livello di acido urico aiuta a prevenire la malattia renale

Diabete tipo 2

Diabete tipo 2 Pediatrico:riduzione del livello di acido urico aiuta a prevenire la malattia renale

Leggi l’articolo
Bambini con Diabete mellito tipo 1: sperimentazione alla Diabetologia Pediatrica del San Matteo di Pavia

Diabete tipo 1

Bambini con Diabete mellito tipo 1: sperimentazione alla Diabetologia Pediatrica del San Matteo di Pavia

Leggi l’articolo