«
»

Top

Malattie psichiatriche: come vivere meglio l'isolamento?

Pubblicata il 17 apr 2020 • Da Camille Dauvergne

Quasi un terzo della popolazione italiana sarebbe affetta da un disturbo psichiatrico, che si tratti di depressione, disturbo bipolare, schizofrenia o disturbi d'ansia. L'attuale situazione di quarantena può essere molto difficile per queste persone, che sono molto più sensibili all'isolamento e all'ansia rispetto al resto della popolazione.

Come si può evitare un peggioramento della malattia? Come aiutare un parente isolato con un disturbo psichiatrico? C'è il rischio di una carenza di farmaci? Vi diciamo tutto!

Malattie psichiatriche: come vivere meglio l'isolamento?

Ho una malattia psichiatrica, c'è il rischio che possa peggiorare con la quarantena?

Secondo il Dr. Jean-Victor Blanc, psichiatra presso l'ospedale Saint-Antoine di Parigi, i pazienti con disturbi psichiatrici sono molto più sensibili a situazioni di isolamento come quella che stiamo vivendo attualmente, così come all'atmosfera ansiogena particolarmente alimentata dal flusso continuo di informazioni.

Il Dr. Blanc sottolinea che molti dei suoi pazienti hanno paura di ripetere un episodio depressivo o di reazioni di stress durante il confinamento. Ha anche osservato una forma di autocensura, in cui i pazienti si impediscono completamente di uscire, ad esempio, mentre è consentita un'ora di attività fisica al giorno all'aperto. A ciò si accompagna spesso una mancanza di motivazione o una scarsa assunzione del trattamento (mancato rispetto della prescrizione medica), che può portare ad una crisi per cause psichiatriche (scompenso) se non si adottano i giusti riflessi!

I pazienti con malattie psichiatriche sono più vulnerabili al COVID-19?

Secondo il professore Pierre-Michel Llorca, capo del reparto di psichiatria dell'ospedale universitario di Clermont-Ferrand e membro del consiglio di amministrazione della fondazione FondaMental, i pazienti psichiatrici sono vulnerabili in questo periodo di crisi sanitaria per diversi motivi: 

  • Le persone affette da malattie mentali hanno spesso altre patologie croniche come l'obesità, l'ipertensione o il diabete (da 1,5 a 2 volte di più rispetto alla popolazione generale). Queste malattie sono fattori di rischio per lo sviluppo di gravi complicazioni in caso di Covid-19.
  • I pazienti psichiatrici spesso hanno più difficoltà ad applicare i gesti barriera e a rispettare la quarentena. In effetti, queste misure richiedono un'ipervigilanza. Alcuni pazienti hanno difficoltà cognitive nel pianificare le loro azioni, e le loro malattie alterano la pianificazione delle azioni. La loro attenzione può diventare lassista. Questo è il caso, ad esempio, delle persone con autismo, schizofrenia o disturbo bipolare.
  • Alcuni pazienti "non si rendono conto della necessità di questi gesti", dice Pierre-Michel Llorca. "Quando sei molto depresso, a volte non riesci a prenderti cura della tua igiene. Non si riesce a fare proprio niente. In questo caso, è molto difficile applicare i gesti di barriera, ciò che espone di più i pazienti al coronavirus.

Quali consigli per evitare la "recidiva" della mia malattia mentale?

Secondo il Dr. Blanc, è particolarmente importante: 

  • continuare ad assumere correttamente il trattamento a lungo termine: infatti, se non lo assumete, o se lo prendete male, questo aumenta notevolmente il rischio di destabilizzare il proprio stato psicologico, e può portare a reazioni di stress, a un episodio depressivo caratterizzato o a un delirio acuto che richiede il ricovero d'urgenza.
  • Mantenere un legame terapeutico con il vostro psichiatra: la telemedicina vi permette di continuare lo scambio con il vostro psichiatra, che valuterà regolarmente il vostro stato mentale, le vostre abitudini, la vostra adesione ai trattamenti, gli effetti dei trattamenti, ecc. È molto importante mantenere questo legame, e soprattutto non isolarsi ulteriormente! Se non si riesce ad avere un teleconsulto, si possono prendere in considerazione appuntamenti telefonici.

È inoltre essenziale mantenere la possibilità, in particolare per le consultazioni iniziali o per alcuni pazienti con gravi patologie psichiatriche, in condizioni di protezione della salute essenziali (indossare una maschera, uso di gel idroalcolico, rispetto delle misure di barriera):

  • consulti in strutture ambulatoriali o in studi privati;
  • visite a domicilio;
  • attività individuali, in particolare negli ospedali diurni e nei centri di attività terapeutiche a tempo parziale.
  •  

Se necessario, viene mantenuto l'accesso alle cure ospedaliere.

  • Mantenere una routine quotidiana: di solito le giornate sono scandite dal tempo di veglia, dagli orari dei pasti, dai momenti di socializzazione e dall'ora di andare a letto. Senza arrivare al programma militare, è molto importante mantenere queste attività ad orari regolari!
    Per esempio: alzarsi tutti i giorni più o meno alla stessa ora, prendersi il tempo di vestirsi, preparare i pasti e mangiare a tavola, chiamare la famiglia e gli amici se si è soli, uscire a fare una passeggiata per almeno 20 minuti (sì, è permesso uscire), fare un'attività che vi piace e andare a letto a orari regolari.
    Tenervi occupati e impostare il ritmo della vostra giornata vi aiuterà a evitare quella sensazione di tempo infinito, che può portare a una diminuzione della motivazione e a un aumento dello stress.

Temo per la salute mentale di un parente isolato, cosa posso fare per aiutarlo?

È particolarmente importante prendersi cura dei propri parenti isolati con patologie psichiatriche. Non esitate a chiamarli ogni giorno o almeno più volte a settimana per un controllo! Verificate che stiano assumendo il trattamento correttamente e che mantengano uno stile di vita sano (sonno, pasti, attività fisica). Dimostrate loro che non sono soli e che possono anche contattare il loro psichiatra se non si sentono bene!

Diverse iniziative sono state attivate nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale, tramite i Dipartimenti di Salute Mentale, per supportare le persone durante l’emergenza. I numeri e i contatti sono reperibili sui siti internet delle Aziende sanitarie locali di competenza territoriale.

  • Numero verde per offrire supporto psicologico: 800 991 414

Posso sviluppare una malattia psichiatrica durante la quarantena?

In un articolo pubblicato il 14 marzo sulla rivista scientifica The Lancet (articolo in inglese) sette membri del Dipartimento di Psicologia del King's College di Londra avvertono: "I potenziali benefici di una massiccia quarantena obbligatoria devono essere valutati attentamente rispetto ai possibili costi psicologici". Pur riconoscendo l'utilità del contenimento sulla diffusione del coronavirus, mettono in guardia dalla necessità che le autorità informino la popolazione nel miglior modo possibile e garantiscano la continuità dei servizi di base per tutta la durata del contenimento, con il rischio di aumentare le conseguenze psicologiche sulla popolazione durante e dopo il contenimento.

Uno degli autori dell'articolo, Neil Greenberg, afferma che "Le persone più vulnerabili saranno quelle che hanno già una storia e questo potrebbe far ribaltare gli altri che non sono stati al loro meglio - da qui l'importanza di aiutarsi a vicenda".

In Cina, i ricercatori dello Shanghai Mental Health Center hanno intervistato quasi 53.000 persone tramite un questionario online tra il 31 gennaio e il 10 febbraio, durante il culmine dell'epidemia di COVID-19. Secondo i risultati della prima indagine nazionale, pubblicati il 6 marzo su General Psychiatry (in inglese), "quasi il 35% degli intervistati ha sofferto di una qualche forma di disagio psicologico".

Per ridurre il rischio di sviluppare una forma di ansia e i sintomi che la accompagnano, dovete mantenervi informati con fonti affidabili, rimanere socialmente attivi anche a distanza e mantenere una dieta sana (routine, dieta, attività fisica). 

Non esitate a contattare il vostro medico se sperimentate sintomi di disagio psicologico (stanchezza e perdita di energia, cambiamento di peso o di appetito, sonno eccessivo o difficoltà ad addormentarsi, aumento della tensione e dell'ansia, diminuzione del livello di attività, diminuzione dell'autostima o dei sensi di colpa, difficoltà a pensare o a concentrarsi, o pensieri suicidi).

Posso avere un teleconsulto con uno psichiatra se non sono già sotto cure psichiatriche?

Vedere uno psichiatra per la prima volta durante un teleconsulto è più difficile che consultare uno psichiatra mentre siete già seguiti, tuttavia esistono diverse soluzioni:

  • La Croce rossa italiana ha attivato: il numero 800 065 510 dedicato a tutti i cittadini e il numero 06 5510 (opzione 5), uno speciale servizio di teleassistenza psicologica dedicato agli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid-19, che risponde dal lunedì al sabato, dalle ore 8 alle 20.
  • Un numero verde per offrire supporto psicologico agli anziani che vivono soli e che l’emergenza Coronavirus costringe in casa, iniziativa lanciata da Senior Italia FederAnziani, WINDTRE e SIPEm SoS Società Italiana di Psicologia dell’Emergenza. Il servizio di ascolto psicologico è gratuito e risponde al numero verde 800 991 414 dal lunedì alla domenica, dalle ore 14 alle ore 19. 

  • Piattaforme che offrono teleconsulti con psichiatri e psicologi come Doctolib, LeahQare.

I cambiamenti del mio stile di vita possono ridurre l'efficacia dei miei trattamenti?

La diminuzione dell'attività fisica causata dal confinamento non influisce sull'efficacia dei trattamenti. Tuttavia, lo stress e l'ansia derivanti dalla situazione attuale possono portare a comportamenti che riducono l'assunzione e quindi l'efficacia dei vostri farmaci. Tra questi, i principali sono il consumo di alcol e il fumo, da evitare in caso di trattamenti per la vostra patologia psichiatrica (neurolettici, antidepressivi, ansiolitici...). 

Il rischio di interazione è elevato e può portare ad una significativa destabilizzazione della vostra patologia, a comportamenti pericolosi per voi stessi e per i vostri cari, o anche a situazioni di emergenza vitale (soprattutto con l'alcol).

Esiste un rischio di carenza di psicofarmaci?

Per il momento non c'è il rischio di una carenza di psicofarmaci e di altri trattamenti usati per i disturbi psichiatrici. In realtà, questi trattamenti non sono più utilizzati al momento, quindi la domanda è stabile e le scorte sono disponibili.

Ricordiamo che le farmacie possono dispensare i trattamenti, anche quando la validità di una prescrizione rinnovabile è scaduta.

Come trovare sostegno su Carenity ?

Carenity ha ora migliaia di pazienti e parenti di pazienti con malattie psichiatriche. Sulla piattaforma è possibile trovare il supporto di altri membri della comunità. È importante aiutarsi a vicenda soprattutto in questo difficile contesto della pandemia di Covid-19. Unitevi ora alle discussioni del momento!

Chi contattare in caso di emergenza psichiatrica?

Oltre ai numeri verdi citati sopra, che sono disponibili al pubblico, troverete qui di seguito un elenco di numeri di assistenza. 

I numeri di assistenza e di sostegno:

Telefono Amico Italia

Telefono Amico Italia è l’organizzazione di volontariato che dal 1967 dà ascolto a chiunque provi solitudine, angoscia, tristezza, sconforto, rabbia, disagio… e senta il bisogno di condividere queste emozioni con una voce amica. Numero: 199 284 284 

Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi (Cnop) 

Il CNOP ha promosso l’iniziativa #psicologionline: i cittadini tramite un  motore di ricerca (accessibile dal sito Cnop) possono trovare lo psicologo o psicoterapeuta più vicino e prenotare un teleconsulto (via telefono o piattaforma di videochiamata). L’iniziativa è rivolta anche a medici, infermieri e personale sanitario.

La Società psicanalitica italiana (Spi) 

La SPI ha messo a disposizione un servizio di ascolto e consulenza di psicologia psicanalitica (teleconsulti gratuiti) per problematiche connesse all’emergenza coronavirus. I Centri psicoanalitici associati alla Spi, presenti su tutto il territorio nazionale (Roma, Milano, Bologna, Genova, Torino, Firenze, Pavia, Padova, Napoli, Palermo) forniranno per il progetto i nominativi dei professionisti disponibili per l’ascolto tramite telefono o piattaforma di videochiamata.

La Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC) 

La SITCC mette a disposizione gratuitamente una rete di sostegno psicologico fornita da psicologi e psicoterapeuti cognitivo-comportamentali per fronteggiare l'emergenza di natura psicologica connessa con la diffusione del COVID-19. All' iniziativa hanno già aderito circa 500 Soci (tra psicologi, psichiatri e psicoterapeuti). Alla pagina del progetto Amicopsicologo è possibile trovare lo psicologo o psicoterapeuta più vicino da contattare.
L'iniziativa è rivolta ai cittadini e agli operatori sanitari; a questi ultimi è dedicato un elenco specifico di professionisti.

Mappa delle iniziative regione per regione

Su questo link, potete seleziona sulla mappa la vostra regione per vedere quali iniziative sono attive.

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Depressione post-parto

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Alessitimia
Ansia cronica - Stress
Attacco di panico
Ciclotimia
Depressione
Dismorfofobia
Disturbi dello Spettro Autistico
Disturbi psicotici
Disturbo bipolare
Disturbo borderline di personalità
Disturbo d'ansia generalizzato
Disturbo d'ansia sociale
Disturbo dissociativo dell'identità
Disturbo ossessivo-compulsivo
Ipomania
Nevrosi
Paranoia
Psicosi
Schizofrenia
Sindrome di Asperger
Stress post-traumatico
Tic
Tricotillomania

La depressione nel 2030 sarà la malattia più diffusa nel mondo

Leggi l’articolo
VITAMINA D E DEPRESSIONE

Depressione

VITAMINA D E DEPRESSIONE

Leggi l’articolo
Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Alessitimia
Ansia cronica - Stress
Attacco di panico
Ciclotimia
Depressione
Dismorfofobia
Disturbi dello Spettro Autistico
Disturbi psicotici
Disturbo bipolare
Disturbo borderline di personalità
Disturbo d'ansia generalizzato
Disturbo d'ansia sociale
Disturbo dissociativo dell'identità
Disturbo ossessivo-compulsivo
Ipomania
Nevrosi
Paranoia
Psicosi
Schizofrenia
Sindrome di Asperger
Stress post-traumatico
Tic
Tricotillomania

Come sostenere un parente affetto da una malattia mentale ?

Leggi l’articolo

Schede malattie