«
»

Top

Spondilite anchilosante e complicazioni ossee: cosa c'è da sapere!

Pubblicata il 18 mar 2024 • Da Claudia Lima

La spondilite anchilosante colpisce le articolazioni della colonna vertebrale, delle anche o della parte bassa della schiena. Si manifesta con l'infiammazione dell'entesi, la parte dell'osso in cui si inseriscono tendini, legamenti e capsule. In alcuni casi, la spondilite può provocare danni alle articolazioni e deformazioni ossee, soprattutto a livello della colonna vertebrale.

Quali sono le complicanze ossee della spondilite anchilosante?

Scopritelo nel nostro articolo!

Spondilite anchilosante e complicazioni ossee: cosa c'è da sapere!

Quali sono i sintomi della spondilite anchilosante? 

La spondilite anchilosante è un'infiammazione cronica delle articolazioni. Colpisce la colonna vertebrale e le articolazioni sacroiliache del bacino. Provoca dolori articolari, stanchezza cronica e rigidità quotidiani. 

Questi sintomi impediscono talvolta al paziente di svolgere le più semplici attività di ogni giorno.

Il decorso della spondilite anchilosante varia a seconda dell'intensità dell'infiammazione e dei danni alle articolazioni.

Se non trattata o trattata in modo inefficace, la spondilite anchilosante può portare ad alcune complicazioni invalidanti. Questa malattia può bloccare progressivamente e permanentemente le articolazioni della parte bassa della schiena, tramite la fusione delle ossa pelviche con il sacro o la fusione tra le vertebre stesse. 

Nei casi più gravi, la colonna vertebrale può ritrovarsi fusa in un unico blocco. Queste fusioni tra più ossa causano un irrigidimento e una deformazione che danno un aspetto caratteristico alla colonna vertebrale.

Quali sono le complicanze a livello osseo della spondilite anchilosante? 

Le possibili complicazioni includono 

Anchilosi vertebrale

L'infiammazione si diffonde a un numero crescente di articolazioni e può estendersi a tutta la colonna vertebrale. Le aree colpite possono diventare progressivamente rigide fino alla totale anchilosi, con conseguente grave deformità e disagio per il paziente. 

Anchilosi del torace

La rigidità della colonna vertebrale può limitare la capacità di gonfiare il torace e causare difficoltà respiratorie.

Inoltre, se le articolazioni che collegano le costole alla colonna vertebrale sono infiammate, il dolore può limitare l'espansione toracica e quindi impedire la respirazione profonda.

Cifosi dorsale

Si tratta di una curvatura anomala della colonna vertebrale, con la schiena che risulta inarcata e il collo proteso in avanti. La cifosi è comune nei pazienti per i quali la spondilite non è stata trattata.

Si può verificare un'ipercifosi quando la persona interessata perde la lordosi lombare e assume una posizione fissa, piegata in avanti, con compromissione della funzione respiratoria e incapacità di stare sdraiata.

Coxite bilaterale

Si tratta di un danno all'articolazione coxofemorale. È un indicatore della gravità della malattia, poiché influisce sulla prognosi funzionale: entrambe le anche possono essere bloccate e la deambulazione può risultare impossibile.

Frattura di una o più vertebre

Queste fratture si verificano anche dopo un trauma di entità lieve e colpiscono le vertebre del collo. Sono da attribuire sia alla demineralizzazione dell'osso che alla rigidità della colonna vertebrale.

Sindrome della coda di cavallo (Cauda Equina)

È causata dalla compressione dei nervi nella parte inferiore del midollo spinale. Questa compressione provoca dolore o perdita di sensibilità nella parte inferiore del corpo, perdita di mobilità nelle gambe o nelle dita dei piedi, costipazione, minzione frequente, ecc.

Osteoporosi

I pazienti affetti da spondilite anchilosante hanno un rischio maggiore di sviluppare osteoporosi a causa dell'infiammazione cronica e dell'uso prolungato di farmaci steroidei. L'indebolimento delle ossa può anche aumentare il rischio di fratture. 

Se i pazienti sono adeguatamente monitorati, potranno beneficiare di un trattamento appropriato per alleviare i sintomi e prevenire le complicazioni.

Come si possono trattare le deformità ossee legate alla spondilite anchilosante? 

La frequenza delle visite mediche viene adattata a ciascun paziente. Tuttavia, i pazienti affetti da spondilite anchilosante dovrebbero beneficiare di controlli medici regolari per individuare i primi segni di complicazioni ossee.

Possono essere consigliati esami radiografici e test di densità ossea.

Ad ogni visita, il medico valuta:

  • L'attività della malattia e il modo in cui il paziente la percepisce: intensità dell’affaticamento e del dolore, danni alle articolazioni, ai legamenti o ai tendini, ecc;
  • Disabilità funzionale, ovvero l'impatto della spondiloartrite sulle attività della vita quotidiana;
  • Mobilità a livello lombare, toracico e cervicale mediante la valutazione di vari indici che vengono annotati e utilizzati come punti di riferimento per gli esami successivi.

Il trattamento precoce aiuta a controllare l'infiammazione, riducendo il rischio di future complicazioni ossee.

In caso di complicazioni ossee, si rende necessario l'intervento di medici specialisti. Questi includono chirurghi ortopedici e podologi. Il chirurgo ortopedico è responsabile del trattamento del dolore e della rigidità articolare mediante interventi chirurgici (sostituzione di articolazioni, correzione di deformità). Il podologo può prescrivere l'uso di attrezzature per ridurre il dolore e prevenire la deformità (prescrivendo plantari ortopedici).

Come si possono prevenire le deformità ossee legate alla spondilite anchilosante?  

Ci sono alcune semplici misure che possono aiutare a preservare la qualità della vita delle persone affette da spondilite anchilosante. 

Eccone alcuni esempi: 

  • Riposo totale in caso di riacutizzazione del dolore, 
  • Assumere gli antidolorifici prescritti dal medico per evitare di assumere posizioni scomode, 
  • Fare attività fisica regolare. Svolgere regolarmente attività fisica, in particolare esercizi di stretching e rafforzamento, o attività sportive che non traumatizzino la colonna vertebrale: nuoto in posizione supina, passeggiate, Tai chi, ecc,
  • Eseguire esercizi di stretching quotidiani per mantenere la colonna vertebrale dritta, una buona mobilità delle vertebre e un buon raggio di movimento, 
  • Mantenere una dieta equilibrata, ricca di calcio e vitamina D, essenziali per la salute delle ossa, 
  • Fare attenzione a mantenere una buona postura della schiena quando si è in piedi o seduti, evitando di assumere posture scorrette, 
  • Dormire su un materasso rigido e il più possibile piatto, 
  • Imparare a gestire lo stress, il quale può aggravare i sintomi e favorire l'infiammazione. Le tecniche di rilassamento, come la meditazione e lo yoga, possono essere utili. 

Un altro strumento di sostegno per la spondilite anchilosante è la l'educazione terapeutica. Lo scopo di quest’ultima è quello di consentire ai pazienti di affrontare meglio determinate situazioni e di imparare a monitorare l'andamento della malattia, in modo da poter chiedere aiuto rapidamente in caso di complicazioni. L'educazione terapeutica consente di comprendere meglio la malattia e l'uso corretto dei trattamenti, di imparare a proteggere e a non sovraccaricare le articolazioni, di adattare il proprio stile di vita e di i propri cari sui limiti della malattia.

La spondilite anchilosante può portare a complicazioni ossee significative, ma una gestione precoce e adeguata della malattia può permettere di ridurre questi rischi. I pazienti devono essere informati sui sintomi di complicazioni in corso e collaborare strettamente con l’équipe sanitaria per prevenire e trattare efficacemente questi problemi. Questo contribuirà a ridurre al minimo l'impatto delle complicazioni ossee.

Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la community nei commenti qui sotto!  

Forza a tutte e tutti!


avatar Claudia Lima

Autore: Claudia Lima, Redattrice di Salute

Claudia è una content creator di Carenity, specializzata in contenuti sulla salute.

Claudia ha conseguito un master in Imprenditorialità e un Executive MBA in Sales and Marketing Management. È specializzata in... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Spondilite anchilosante, quel dolore che si confonde con il mal di schiena

Spondilite anchilosante

Spondilite anchilosante, quel dolore che si confonde con il mal di schiena

Leggi l’articolo
Etanercept (Enbrel®, Erelzi®, Brenzys®, Benepali®, Nepexto®): tutto quello che c'è da sapere su questo trattamento!

Spondilite anchilosante

Etanercept (Enbrel®, Erelzi®, Brenzys®, Benepali®, Nepexto®): tutto quello che c'è da sapere su questo trattamento!

Leggi l’articolo
Spondilite anchilosante: che impatto ha sulle relazioni?

Spondilite anchilosante

Spondilite anchilosante: che impatto ha sulle relazioni?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate

Scheda malattia