«
»

Top

Tumore e alimentazione: i consigli di una dietista (2/2)

17 lug 2019

Continuiamo l’intervista di Elisa Cloteau, dietista e nutrizionista presso l’Espace Mieux Manger in Pornichet, Francia. Ci parla dell’impatto di quello che mangiamo sulla nostra salute, e soprattutto sul fatto di sviluppare un tumore.

Tumore e alimentazione: i consigli di una dietista (2/2)

Buongiorno Elisa. Ci avevi parlato di carne rossa, come probabilmente cancerogena nella prima parte della tua intervista. Puoi dirci di più?

Secondo l’Organizzazione mondiale della salute, esiste un legame tra il tumore del colon retto e il consumo di carne. Inoltre, diversi studi suggeriscono che un tale legame potrebbe esistere tra lo sviluppo del tumore della prostata e quello del pancreas. Però, le persone che mangiano molta carne consumano spesso pochissime verdure, ciò che ha un impatto sui risultati di questa ricerca. 

>> Leggete la prima parte dell’intervista di Elisa cliccando qui

La carne contiene ferro e ferro ossidato, ciò che potrebbe spiegare il legame tra la comparsa del tumore e il consumo di carne, ma bisogna tenere conto della quantità consumata, così come la quantità di antiossidanti consumata. Se i cibi comportano molte verdure, frutta e spezie, non c’è quasi nessuna ossidazione e il rischio di tumore viene così ridotto. 

Occorre privilegiare talune carni rispetto ad altre?

Evitare le carni provenienti dall’agricoltura intensiva, le carni trasformate e le carni rosse (maiale, manzo, vitello, montone, cavallo, capra). È anche importante concentrarsi sulla qualità della carne e privilegiare pollame (pollo, anatra, tacchino, faraona) e la carne di coniglio.

In termini di quantità raccomandate, tutto dipende della vostra età, salute, stile di vita. Le uova, i latticini ed i prodotti vegetali contengono anche delle proteine. La quantità di carne che dovreste mangiare deve anche dipendere dalla quantità di queste proteine che consumate. 

I latticini possono favorire la comparsa di un tumore?

Ci sono molti studi contraddittori a riguardo, tanto più che l’industria casearia è un lobby molto influente. Quindi non posso affermare che il latte favorisce il tumore. Non si deve dimenticare che la qualità del latte dipende da quello che mangiano gli animali, come sono trattati e come il latte è conservato. L’aspetto della flora intestinale di ognuno importa anche nello sviluppo o no di un tumore. 

Quale ruolo giocano lo zucchero ed i suoi derivati come la Stevia nello sviluppo di un tumore?

In piccole quantità, lo zucchero non è nocivo in una dieta equilibrata e ricca di fibre. Un po’ di zucchero di canna, un po’ di sciroppo d’acero o agave è perfetto in un dolce o con un caffè. Inoltre sembra impossibile di dire alla gente di smettere completamente lo zucchero, che ha un impatto sul psichismo e il morale: ciò genererebbe soltanto frustrazione, anzi disturbi alimentari. 

>> Testimonianza: la dieta senza zuccheri, senza glutine e senza lattosio contro la malattia

Però, una quantità troppo importante di zucchero, in particolare di sciroppo di glucosio-fruttosio, presente nelle caramelle, prodotti di panetterie, pronti all’uso e nei biscotti industriali, è nociva. Ciò vale anche per alcune salse e cereali. I “falsi-zuccheri” sono spesso consumati in quantità importante, sono anche pericolosi. 

Per quanto riguarda precisamente il tumore, le cellule cancerose sono abbastanza “golose” in glucosio. Il metabolismo di queste cellule non funziona come dovrebbe; le cellule cancerose non possono bruciare lo zucchero e quindi si dividono molto velocemente, ciò che permette di crescere. Le cellule cancerose che non ricevono glucosio smettono di dividersi. Per i pazienti affetti da tumore, è quindi importante di limitare drasticamente l’apporto di glucosio e di stare attento agli “zuccheri nascosti”.

Un consumo eccessivo di alcol può provocare un tumore?

Il Centro Internazionale di Ricerca sul Cancro (CIRC) classifica il consumo regolare di alcol come cancerogeno. Siamo quasi sicuri del legame tra l’alcol e lo sviluppo del tumore del seno, della bocca, dell’esofago, della gola e dei tumori del colon retto. In Francia, l’alcol è il secondo fattore di rischio di sviluppare un tumore! Bere con moderazione non è quindi una parola sbagliata, è essenziale per la nostra salute. 

>> Fare dell’alimentazione il migliore rimedio contro la malattia

 

Grazie mille a Elisa Cloteau per queste spiegazioni! Per leggere la prima parte della sua intervista, cliccate qui. E voi, avete cambiato la vostra dieta di fronte alla malattia? Quali sforzi fate ogni giorno?

 

 

avatar Louise-B

Autore: Louise-B, Content & Community Manager

Community manager di Carenity in Francia, Louise è anche redattore capo della Rivista Salute per proporre articoli, video e testimonianze concentrati sul vissuto dei pazienti e che portano la loro voce. Con una formazione pluridisciplinare orientata sul giornalismo, coordina la redazione dei contenuti delle piattaforme Carenity e facilita l’esperienza dei membri sul sito. 

Commenti

il 31/07/19

Buongiorno Elisa.mi chiamo Donatella e volevo chiederle un consiglio.Dopo l’intervento di lobectomia polmonare sono ingrassata di 7 kh.Fortunatamente non ho dovuto fare ne chemio ne radio, però ho preso tanti medicinali con morfina e oppio.so che per la mia altezza il peso sembra ideale, ma io son sempre stata 50/53 kg. Questi Kg in più mi pesano tanto, non per un fatto estetico bensì perché mi sento pesantissima.Mi gonfia molto la pancia e ho tanta ridenzuine idrica. Può consigliarmi come posso perdere almeno 5 kg? Grazie infinite.

Ti piacerà anche

Testimonianza foto: continuare a sperare nonostante la poliartrite reumatoide deformante

Malattia di Bouillaud
Poliartrite reumatoide
Polimialgia reumatica
Porpora reumatoide
Pseudopoliartrite rizomelica
Reumatismo da idrossiapatite

Testimonianza foto: continuare a sperare nonostante la poliartrite reumatoide deformante

Leggi l’articolo
Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Aborto spontaneo
Associazione MURCS
Cisti ovarica
Depressione post-parto
Diabete gestazionale
Dismenorrea
Dispareunia
Disturbo disforico premestruale
Eclampsia
Embriopatia da citomegalovirus
Endometriosi
Endometriosi interna
Fibroma uterino
Gravidanza a rischio
Idramnio
Infertilità
Iperfenilalaninemia materna
Ipogonadismo femminile
Mastopatia fibrocistica
Menopausa
Preeclampsia
Prolasso genitale
Salute della donna
Tumore del seno
Vulvodinie/Vestibulodinie

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo
Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Adamantinoma
Carcinoma epidermoide della testa e del collo
Corticosurrenaloma
Feocromocitoma
Leucemia
Linfoma a cellule mantellari
Linfoma anaplastico a grandi cellule
Linfoma cutaneo
Linfoma di Hodgkin
Linfoma diffuso a grandi cellule B
Linfoma follicolare
Linfoma non-Hodgkin
Macroglobulinemia di Waldenstrom
Maladie di Ollier
Mastocitosi sistemica
Mesiotelioma
Mieloma multiplo
Nefroblastoma
Neoplasia endocrina multipla
Neuroblastoma
Neurofibromatosi
Osteosarcoma
Pseudomixoma del peritoneo
Sarcoma di Ewing
Sarcoma di Kaposi
Sindrome di Sézary
Timoma
Tumore
Tumore al cervello
Tumore del collo dell'utero
Tumore del colon-retto
Tumore del fegato
Tumore del pancreas
Tumore del polmone
Tumore del polmone a piccole cellule
Tumore del rene
Tumore del seno
Tumore del testicolo
Tumore dell'endometrio
Tumore dell'esofago
Tumore dell'ovaio
Tumore della laringe
Tumore della pelle
Tumore della pleura
Tumore della prostata
Tumore della tiroide
Tumore della vescica
Tumore delle vie biliari
Tumore dello stomaco
Tumore di Merkel
Tumore endocrino entero-pancreatico
Tumore gliale
Tumore maligno delle tube
Tumore neuroendocrino
Tumore osseo raro
Tumore peritoneale primario
Tumore rabdoide
Tumore stromale gastrointestinale
xyz_Tumore del colon

Giornata mondiale contro il cancro: tutti interessati!

Leggi l’articolo
L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Aneurisma
Edema cerebrale
Ictus
Malattie cardiovascolari
Paralisi cerebrale
Sclerosi Multipla
Spasticità

L’effetto della cannabis terapeutica sui sintomi di spasticità nella Sla e altre malattie del motoneurone

Leggi l’articolo