«
»

Top

Storia del cancro: sapere tutto!

Pubblicata il 22 feb 2021 • Da Candice Salomé

Seconda causa di morte in Italia, il cancro si sviluppa da cellule anormali che si moltiplicano in modo incontrollato a scapito del corpo.

Ma cosa sappiamo del cancro? Da dove viene il nome "cancro"? Quando è stato comparso il primo caso di cancro? Quando sono apparsi per la prima volta i vari trattamenti contro il cancro? Quali sono le diverse teorie che spiegano le cause del cancro?

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Storia del cancro: sapere tutto!

Da dove viene il nome "cancro"?

La parola "cancro" è una parola latina che significa "granchio". Ippocrate (460-377 a.C.) fu il primo a paragonare il cancro a un granchio per analogia con l'aspetto dei tumori al seno quando si diffondono sulla pelle. Questo perché il tumore è centrato da una formazione tondeggiante circondata da estensioni radianti simili alle zampe di un granchio.

Il paragone con il granchio fu poi ripreso da Galeno (131-201 d.C.) che scrisse un trattato sui tumori e descrisse il cancro al seno con grande precisione:

"Molte volte abbiamo visto un tumore nei capezzoli esattamente come un granchio. Infatti, come in questo animale ci sono gambe su entrambi i lati del corpo, così in questo tumore innaturale le vene che vi si trovano sono simili a quelle di un granchio. Abbiamo spesso curato questa condizione nelle sue fasi iniziali. Quando è cresciuta in misura considerevole, nessuno l'ha curata senza un intervento chirurgico".

Quali sono le principali teorie relative al cancro?

Ci sono molte teorie sulle cause del cancro nel corso dei secoli:

  • La teoria umorale: La teoria degli umori, divulgata dal Corpus ippocratico, è uno dei fondamenti dell'antica medicina europea. Secondo la teoria degli umori, il corpo è composto dai quattro elementi fondamentali: aria, fuoco, acqua e terra. Questi elementi possiedono quattro qualità: caldo, freddo, secchezza o umidità. Questi elementi antagonisti devono coesistere in equilibrio perché una persona sia sana. Uno squilibrio minore porta a "sbalzi d'umore" e uno squilibrio maggiore minaccia la salute di una persona. Le scoperte successive hanno screditato la teoria umorale per diverse ragioni: mancanza di comprensione del ruolo degli organi, mancata considerazione della circolazione del sangue, mancanza di conoscenza della chimica di base... Sono state sviluppate molte diagnosi e trattamenti folli.
  • La teoria della linfa: seguiva la teoria umorale del cancro. Questa teoria propone la formazione del cancro da un altro fluido del corpo: la linfa. Secondo questa teoria, la vita consisteva in un movimento continuo e appropriato di parti fluide del corpo attraverso parti solide. Di tutti i fluidi, i più importanti erano la linfa e il sangue. Stahl e Hoffman teorizzarono che il cancro era composto da linfa degenerante e fermentante, che variava in acidità, alcalinità e densità. Il chirurgo scozzese del 1700, John Hunter, era d'accordo per dire che i tumori si sviluppavano dalla linfa che veniva costantemente rigettata dal sangue. 
  • La teoria del blastema: nel 1838, Johannes Muller, un patologo tedesco, dimostrò che il cancro è composto da cellule e non da linfa. Credeva che le cellule cancerose non provenissero da cellule normali. Egli propose che le cellule cancerose si sviluppassero da elementi di gemmazione (blastema) tra i tessuti normali. 
  • La teoria dell'irritazione cronica: Rudolph Virchow (1821-1902), il famoso patologo tedesco, propose che l'irritazione cronica fosse la causa del cancro. Tuttavia, credeva che i tumori si diffondessero "come un liquido". Negli anni 1860, il chirurgo tedesco Karl Thiersch ha dimostrato che i tumori metastatizzano per la diffusione delle cellule maligne, non per un fluido non identificato. 
  • La teoria del trauma: Dalla fine del 1800 agli anni 1920, nonostante i progressi fatti nella comprensione del cancro, alcune persone credevano che l'origine del cancro fosse dovuta a un trauma. Questa convinzione è stata mantenuta a lungo nonostante i numerosi studi condotti sugli animali in laboratorio. 
  • La teoria delle malattie infettive: due medici olandesi, Zacutus Lusitani (1575-1642) e Nicholas Tulp (1593-1674), conclusero quasi contemporaneamente che il cancro era contagioso. Hanno tratto la loro conclusione sulla base della loro esperienza di cancro al seno nei membri della stessa famiglia. Hanno poi proposto di isolare i malati di cancro per prevenire la diffusione del cancro.

Quando è stato registrato il primo caso di cancro?

Il primo caso di cancro è stato registrato nell'antico Egitto. È descritto nel più antico documento chirurgico conosciuto, il Papiro Edwin Smith, risalente al 1600 a.C. circa. 

editor_meta_bo_img_fcf32a648ef3d20ba05976c0f2107888.jpg

Frammento del papiro chirurgico Edwin Smith che tratta il trauma facciale. © Grook Da Oger, Wikimedia commons, DP

Contiene un riferimento al cancro al seno:

"Presenza sul petto di tumori sferici sporgenti, freddi al tatto"
Primo caso di cancro registrato, Papiro Edwin Smith

Il papiro menziona che i tumori non identificati sono stati bruciati o cauterizzati con un "bastone infiammato".

Quando sono apparsi i vari trattamenti contro il cancro?

Con l'uso crescente della sterilizzazione e della disinfezione, così come l'uso dell'anestesia (William Morton nel 1846) per l'intervento chirurgico, la chirurgia ha avuto la sua età dell'oro nel XIX secolo. Questo ha permesso ai pionieri della chirurgia di eseguire operazioni sui tumori come le mastectomie per prevenire la diffusione del cancro.

Wilhelm Röntgen, un professore di fisica tedesco, scoprì i raggi X nel 1895. Diversi ospedali in tutto il mondo hanno poi acquistato una macchina di imaging che avrebbero usato per fare diagnosi. Si scoprì così che le radiazioni emesse dai raggi X potevano trattare diverse malattie della pelle.

Questa è la nascita della radioterapia per il trattamento del cancro. Ma gli effetti collaterali hanno rapidamente superato i benefici di questa tecnica. 

È stato solo alla fine del 20° secolo che i progressi dell'informatica e della fisica hanno permesso agli scienziati di mappare accuratamente la forma e la posizione dei piccoli tumori per poterli colpire più precisamente con i raggi X.

È stato anche nel 20° secolo che sono stati sviluppati i farmaci anticancro o chemioterapici.

La prima di queste droghe fu l'iprite (senape azotata), che portò scompiglio nelle trincee della Prima Guerra mondiale.

Durante la seconda guerra mondiale, l'esercito americano scoprì che il gas mostarda causava una diminuzione del numero di globuli bianchi (o linfociti) nei soldati esposti. Durante la ricerca di misure protettive contro questi effetti, gli scienziati hanno scoperto che la senape azotata era efficace nel trattamento del cancro ai linfonodi perché attacca questi globuli bianchi.

Questo prodotto servirà da modello per i farmaci chemioterapici che seguiranno presto.

Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!


avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Tumore dell'ovaio: quali sono i trattamenti?

Tumore dell'ovaio

Tumore dell'ovaio: quali sono i trattamenti?

Leggi l’articolo
Gli esercizi che fanno bene alla prostata (anche in caso di tumore)

Tumore della prostata

Gli esercizi che fanno bene alla prostata (anche in caso di tumore)

Leggi l’articolo
Vedi la testimonianza
Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Tumore del seno

Violenze ginecologiche: la parola delle donne si libera

Leggi l’articolo

Schede malattie