SINTOMI DEL DIABETE DI TIPO 2

Nella gran maggioranza dei casi, il diabete di tipo 2 è assolutamente silente. Alcuni sintomi possono essere manifesti, ma sono spesso tardivi. In presenza di una glicemia estremamente elevata, i sintomi si manifestano con un aumento della sete e della diuresi.

/static/themes-v3/default/images/default/info/maladie/intro.jpg?1516194360

Poiché questa malattia passa solitamente inosservata, è importante identificare i segnali di allarme misurando la glicemia nel sangue. Un soggetto viene considerato diabetico se, in due diversi momenti, la sua glicemia a digiuno supera 1,26 g/l.

UNA MALATTIA DAI SINTOMI “SILENTI”

Le complicazioni associate al diabete di tipo 2 sono molto importanti e decisamente frequenti a causa della diagnosi tardiva della malattia, raggiunta spesso dopo 10-15 anni. È necessario identificare diversi tipi di complicazioni:

- Complicazioni micro-angiopatiche che interessano piccoli vasi come quelli della retina, che causano retinopatia con rischio di cecità, oppure i piccoli vasi renali, con conseguente insufficienza renale

- Complicazioni che interessano i grossi vasi, che possono portare a gravi complicazioni cardiovascolari. Pertanto, i pazienti con diabete di tipo 2 hanno un maggiore tasso di mortalità dal punto di vista cardiovascolare: insufficienza cardiaca, infarto miocardico, rischi di incidenti vascolari cerebrali (IVC) e arteriopatia degli arti inferiori

- Complicazioni che interessano i nervi di piccole dimensioni, con dolore o insensibilità al livello dei piedi Esiste il rischio che il paziente ignori le ferite non dolenti, che di conseguenza si infettano facilmente a causa dell’aumento della sensibilità alle infezioni. Questo può portare a amputazioni in assenza di prevenzione o di un trattamento idoneo.

Vuoi saperne di più su questa malattia?

Raggiungi i 70 000 pazienti iscritti sulla piattaforma, ottieni informazioni sulla tua malattia o quella del tuo parente e condividi con la comunità

È gratis e anonimo