«
»

Top

Coronavirus e cancro

27 mar 2020 • 1 commento

Nell'attuale contesto di crisi sanitaria, i pazienti affetti da cancro richiedono un controllo speciale e un adattamento delle loro cure quando necessario.

Vi state sicuramente chiedendo quali sono i rischi legati ai vostri trattamenti e ai vostri viaggi e quali sono le precauzioni speciali da prendere? Risponderemo alle vostre domande!

Coronavirus e cancro

In questo periodo, è rischioso andare in ospedale per il mio ciclo di radioterapia o di chemioterapia?


Se è necessario recarvi in ospedale per la radioterapia o la chemioterapia, sono state messe in atto misure precauzionali nei reparti di oncologia per ridurre il rischio di contaminazione per i pazienti e gli operatori sanitari. Sebbene queste misure siano specifiche per ogni centro, esse comprendono quanto segue:

  • il paziente deve venire da solo, senza caregiver
  • le visite sono limitate a una al giorno
  • la temperatura del paziente e l'assenza di sintomi - caratteristica dell'infezione da COVID-19 - sono controllati prima che il paziente entri in ospedale
  • Il lavaggio a mano con sapone o gel idroalcolico è obbligatorio all'ingresso*.
  • una maschera può essere data al paziente se il reparto ne ha abbastanza. L'uso della maschera è raccomandato per i pazienti oncologici in generale. Tuttavia, di fronte all'attuale carenza, gli operatori sanitari a contatto con i pazienti hanno la priorità.
  • Le distanze raccomandate devono essere mantenute tra i pazienti in sala d'attesa.

Dopo la radioterapia potete essere vulnerabili all'infezione da coronavirus, soprattutto se colpisce la cavità toracica. Tuttavia, finora non abbiamo abbastanza informazioni per il momento per specificare questo livello di rischio, né per la radioterapia né per la chemioterapia. È importante rispettare i gesti barriera e la quarantena in tutti i casi.

I miei trattamenti o l'intervento chirurgico sono stati riportati, è grave per l'evoluzione del mio cancro?

In alcuni casi, per ridurre il rischio di esposizione dei malati al virus, il team sanitario può decidere di rimandare l'intervento chirurgico o la cura del vostro cancro. Si tratta di una decisione specifica per il paziente, basata sul mutuo accordo tra gli operatori sanitari e il paziente. Se un rinvio è stato deciso dal vostro medico, è perché ritiene che non rappresenti un rischio per la progressione del vostro cancro nell'arco di tempo della crisi sanitaria. In effetti, gli interventi e le cure non sono sistematicamente rinviati.

È anche possibile che le vostre cure vengano modificate per evitare al massimo i viaggi. Ad esempio, un trattamento chemioterapico può essere effettuato per via orale a casa invece che per via endovenosa in ospedale. Ma attenzione, questo non è possibile per tutti i trattamenti!

La teleconsultazione è inoltre incoraggiata per fare il punto della situazione con il vostro oncologo e ricevere tutte le spiegazioni necessarie per il vostro trattamento.

Molti reparti di oncologia forniscono anche un supporto psicologico ai pazienti, ciò che è particolarmente importante quando l'ansia di un'infezione e un cambiamento nella gestione si aggiungono al cancro.

È grave se il mio test di screening è rinviato?

Un esame di screening può essere rinviato senza rischi, sempre nell'arco di tempo della crisi sanitaria, se non riscontrate particolari sintomi suggestivi del cancro individuato.

Tuttavia, se avete sintomi, è essenziale sottoporsi ad un esame di screening il prima possibile! Non esitate a fare domande al vostro medico o all'oncologo, per telefono o per teleconsultazione. 

La mia immunoterapia o la terapia ormonale mi rende più suscettibile di fronte al coronavirus?

È importante distinguere la nozione di immunodepressione da quella di immunoterapia!

L'immunodepressione nel quadro dei cancri è spesso dovuta ai trattamenti (chemioterapia oncologica, chemioterapia immunosoppressiva, bioterapie, terapia corticosteroide a dosi immunosoppressive), e potrebbe aumentare il rischio di sviluppare complicazioni a seguito di infezione dal coronavirus.

L'immunoterapia (come KEYTRUDA, YERVOY, OPDIVO) consiste nello stimolare alcune cellule immunitarie per renderle più efficaci o rendere le cellule tumorali più riconoscibili dal sistema immunitario. Attualmente non ci sono prove scientifiche convalidate che permettono di dire che l'immunoterapia aumenta il rischio di complicazioni da coronavirus. Lo stesso vale per la terapia ormonale (come ELIGARD, NOLVADEX, FEMARA).

Qualunque sia il trattamento che state seguendo, in nessun caso dovete interrompere o modificare il vostro trattamento senza il consiglio del vostro oncologo. Consultate un medico prima di assumere farmaci e prodotti senza prescrizione medica.

Se siete stati sottoposti a trattamenti oncologici, ma fermati da diversi anni, il rischio di complicazioni da coronavirus è lo stesso della popolazione generale.

Ho un cancro ai polmoni, sono a maggior rischio di complicazioni dovute all'infezione da COVID-19?

Data la recente scoperta del SARS-coV-2 (coronavirus), non disponiamo di dati e informaioni sufficienti per affermare che questo cancro ai polmoni è un fattore di rischio, tuttavia, secondo l'Alto Comitato di Sanità Pubblica (HCSP), le persone affette da cancro e sotto trattamento sono maggiormente a rischio di sviluppare una grave forma di infezione da coronavirus. Questa informazione è stata confermata dal Prof. Fabrice Barlesi, oncologo - specialista polmonare presso l'Istituto Gustave Roussy di Villejuif Parigi, nel programma Allô Docteurs del 24 marzo 2020.

La quarantena deve essere più rigorosa se sono affetto da cancro?

Sebbene i gesti barriera e le misure di quarantena si applichino all'intera popolazione per ottenere una protezione individuale e collettiva ottimale, i malati di cancro devono limitare il più possibile i loro viaggi.

Non esitate a fare la vostra spesa con il drive (ordine via internet e consegna a casa) se possibile, chiedete ad un parente stretto di aiutarvi nelle vostre attività quotidiane per evitare di uscire (evitando qualsiasi contatto ravvicinato).

Se vi è stata consigliata l'attività fisica, non esitate a farla a casa! Ad esempio, l'ospedale universitario di Amiens offre una serie di video di attività fisica adattati alla cancerologia sul suo canale Youtube.

Ho il cancro, devo smettere di lavorare? Qual è la procedura?

Se la vostra attività professionale vi espone al rischio di contaminazione, avete il diritto di esercitare il vostro diritto di recesso. Potete anche chiedere consiglio al vostro oncologo o al vostro medico di famiglia su come prendere una sospensione del lavoro. 

Inoltre, le autorità pubbliche hanno istituito un sistema di esenzione che consente alle persone a rischio di sviluppare una grave forma di infezione di effettuare una sospensione del lavoro. Nel quadro del cancro, le persone ammissibili a questa misura sono :

  • i pazienti affetti da cancro sotto trattamento;
  • le persone con immunodepressione congenita o acquisita:
    • medicamentosa: chemioterapia oncologica, chemioterapia immunosoppressiva, bioterapia e/o terapia corticosteroide a dosi immunosoppressive,
    • relativa ad un'emopatia maligna durante il trattamento

A chi posso rivolgermi se ho domande sulla mia assistenza e i miei trattamenti?

In modo generale, dovreste essere contattati e informati dal reparto di oncologia che vi segue. In caso contrario, o se avete ulteriori domande, non esitate a contattare il servizio per telefono o a organizzare una teleconsultazione con il vostro oncologo.

La Lega contro il cancro ha istituito un numero per l'ascolto, l'aiuto e il supporto: 0800 118811

Non esitate a condividere la vostra esperienza con il cancro o quella dei vostri cari commentando questo articolo.
Forza a tutte e tutti!

 

avatar Camille Dauvergne

Autore: Camille Dauvergne, Junior Community Manager Francia

Camille Dauvergne è attualmente Community Manager Junior in Carenity. Assiste il Community Manager Francia nell'animazione della piattaforma, facilitando la navigazione dei membri e promuovendo le loro... >> Per saperne di più

Commenti

carezac85
il 02/04/20

Tutto giusto ciò che leggo nell'articolo, non sono affetto da cancro o altre patologie importanti, desidero contestare chi dice IO RESTO A CASA, io , ESCO DA CASA, i luoghi chiusi, le case famiglia , le case privare sono tutti focolai di infezioni, l'aria che vi si respira è significativamente peggiore dell'aria esterna, la distanza sociale in casa è una chimera, l'immobilismo in casa nuoce alla salute del corpo e della psiche. Cesare Zaccaria

Ti piacerà anche

La sessualità con una malattia cronica

La sessualità con una malattia cronica

Leggi l’articolo
L'angoscia del deconfinamento

L'angoscia del deconfinamento

Leggi l’articolo
Coronavirus e HIV

AIDS-HIV

Coronavirus e HIV

Leggi l’articolo
Deconfinamento - Come convivere con il coronavirus?

Deconfinamento - Come convivere con il coronavirus?

Leggi l’articolo