«
»

Top

Intossicazione alimentare: come evitarla?

Pubblicata il 2 mag 2022 • Da Berthe Nkok

L'intossicazione alimentare può essere causata da batteri (Salmonella, E. coli...), parassiti (soprattutto acqua, frutta, verdura), virus (prodotti agricoli, marini), tossine o metalli gravi (soprattutto piombo o mercurio). 

Queste sono generalmente infezioni benigne. Tuttavia, possono essere pericolose in alcuni casi e possono portare a complicazioni cardiache o renali e persino alla morte in alcuni casi. 

Cos'è l'intossicazione alimentare? Quali sono i sintomi? Come si possono evitare?

Vi diciamo tutto nel nostro articolo!

Intossicazione alimentare: come evitarla?

Cos'è l'intossicazione alimentare?

L'intossicazione alimentare è spesso associata al consumo di cibo avariato, piante o alimenti insoliti o tossici come i funghi velenosi, ma anche prodotti "contaminati" (fertilizzanti, pesticidi e altri erbicidi). 

I batteri sono la causa della maggior parte delle intossicazioni alimentari. Rilasciano tossine, che sono sostanze dannose per il corpo nel cibo contaminato. Gli alimenti più colpiti sono uova, carne, salsicce, pesce, funghi, frutti di mare, verdure crude e latticini.

Ci sono molte spiegazioni possibili per questa contaminazione: il superamento della data di scadenza del prodotto, la rottura della catena del freddo durante la conservazione o la cottura errata. Il calore favorisce la crescita di molti batteri, quindi anche un piatto lasciato al sole per molto tempo può causare intossicazione alimentare.

Quali sono i sintomi dell'intossicazione alimentare?

L'intossicazione alimentare di solito colpisce diverse persone che condividono lo stesso pasto. I sintomi possono variare da lievi a molto gravi, a seconda della persona e dell'agente patogeno. Si manifesta attraverso i seguenti sintomi: 

  • Febbre
  • Vomito 
  • Diarrea 
  • Dolore addominale 
  • Disidratazione 
  • Fatica 
  • Mal di testa 
  • Nausea

Quando la diarrea si verifica nei bambini piccoli e negli anziani, si raccomanda l'attenzione medica urgente. Diarrea sanguinolenta, febbre alta, forti dolori addominali, problemi di deglutizione, problemi di linguaggio, pupille costrette, confusione mentale, vertigini e/o svenimenti devono essere segnalati immediatamente. Infine, consultate un medico se i sintomi non sono così gravi ma durano più di 48 ore.

Come evitare l'intossicazione alimentare?

Ecco alcuni consigli per evitare l'intossicazione alimentare:

  • Lavarsi sempre le mani con sapone e asciugamani, soprattutto dopo aver toccato uova, carne, semi o formaggi di latte crudo, poiché la contaminazione avviene spesso per contatto. Si consiglia anche di lavare e asciugare tutti i materiali che entrano in contatto con questi alimenti: superfici di lavoro, piatti e coltelli. Piatti, utensili e piani di lavoro dovrebbero anche essere sostituiti o puliti dopo ogni sessione di preparazione di cibo crudo.
  • Avere diversi taglieri. Un'idea è quella di assegnare una tavola di colore ad ogni categoria di cibo e scegliere tavole di legno, che sono più facili da piallare. Ricordatevi di cambiarli quando sono consumati.
  • Assegnare un panno solo per le mani.
  • Non tardate a mangiare preparazioni a base di uova crude (mousse al cioccolato o maionese fatta in casa), che sono portatrici di salmonella; devono essere conservate in frigorifero per 24 ore. Controllate anche la data di scadenza del cibo.
  • Controllate sempre l'integrità dell'imballaggio, poiché batteri, muffe e altri microrganismi possono svilupparsi all'aria aperta. Non rompete la catena del freddo.
  • Consumare gli avanzi entro 24 ore. I batteri amano le temperature medie, tra i 25 e i 37°C. Non lasciare i pasti scoperti troppo a lungo; se lo fai, trasferiscili in un contenitore e lasciali raffreddare. Poi metteteli coperti in frigorifero per un giorno al massimo.
  • Buttare via gli alimenti fragili che sono stati aperti, per esempio le preparazioni a base di uova crude (mousse, maionese, ecc.), le tartare di carne o di pesce, i crostacei, ecc. Quello che non viene mangiato deve essere buttato via immediatamente.
  • Lavate e disinfettate il frigorifero una volta al mese. Si consiglia anche di scongelare in frigorifero.


Vi è piaciuto questo articolo?  

Cliccate su "mi piace" o condividete i vostri sentimenti e le vostre domande con la comunità nei commenti qui sotto! 

Forza a tutte e tutti!


6
avatar Berthe Nkok

Autore: Berthe Nkok, Redattrice di salute

Berthe è una creatrice di contenuti presso Carenity, specializzata nella scrittura di articoli sulla salute.  

Berthe sta per ottenere il suo master in Commercio Internazionale e Marketing B to B e aspira a... >> Per saperne di più

1 commento


epatite • Membro Ambasciatore
il 07/05/22

L 'intossicazione alimentare è un problema che sorge per cattiva conservazione delle derrate alimentari, della scarsa pulizia dei vegetali e di altri prodotti destinati all'alimentazione umana, inoltre dai cibi cotti aggrediti da microbi patogeni. Anche l' igiene personale trascurata, il mancato lavaggio accurato delle mani possono essere motivo di trasmissione di infezioni batteriche. Dunque non trascuriamo mai tutti questi fattori e avremo sempre sicurezza alimentare.

Ti piacerà anche

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Farmaci antinfiammatori steroidei e non steroidei: vi diciamo tutto!

Leggi l’articolo
Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Covid-19: quali sono gli effetti collaterali dell'indossare una mascherina?

Leggi l’articolo
Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Quali sono i benefici psicologici dell'interazione con una comunità di pazienti?

Leggi l’articolo
Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Disturbi del sonno: quando e come possono essere curati?

Leggi l’articolo

Discussioni più commentate