https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/depressione.jpg

Pazienti Depressione

7 risposte

71 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il

Certe volte vorrei morire perché sono triste e anche grasso non riesco ho questo pensiero non farò niente di male a me stesso ma se morirei riposerei in pace non riesco a stare tranquillo

Inizio della discussione - 28/04/20

Convivere con la tristezza


Pubblicato il

Penso a te. Non devi mollare mai. 

Convivere con la tristezza


Pubblicato il
Buon consigliere

Anche io ti penso, come stai?

Convivere con la tristezza


Pubblicato il

Troppo spesso il desiderio di morte mi attira e capisco perfettamente coloro i quali qui, in questo forum, hanno questo desiderio. L'utopia che si possa trovare soluzioni ha troppo spesso il sapore di un calice amaro, che bevi ogni giorno e ti avvelena sempre di più. Capisco e non capisco. Qui ognuno di noi è un caso a se, con problemi magari molto diversi l'uno dall'altro ma, in comune abbiamo la cosa più terribile: " Il Dolore" , " La tristezza". Questa morsa che ti stringe e non ti fa respirare. Nella mia utopia c'è un sogno: rinascere e ricominciare.  Ricominciare  un'altra vita. Un'altra volta ancora immaginare un'altra occasione.

Ho pensato un po' come nella canzone di John Lennon "Immagine"

Immaginare che non esista un paradiso ma nemmeno un'inferno.

Immaginare che non esista nessuna nazione ma un mondo unito.

Immaginare che non esista fame o bisogno ma che ogni uomo o donna  camminando insieme nella strada della vita; ognuno  riconoscendosi l'uno con l'altro in un solo volto umano stretti per mano scoprano ad ogni passo e ad ogni respiro, la bellezza e l'innocenza come quella che vedi negli occhi e nel sorriso di un bambino.

Convivere con la tristezza

• Animatore della community
Pubblicato il

Ciao a tutti @paolafire@ilikeitalot@MathildeSpila@Apettina@Mari998@cristiana70‍ come vi sentite oggi? Come convivete questo periodo particolare? Qual è il vostro umore del giorno? Non esitate a condividere con noi, dobbiamo sostenerci a vicenda! Grazie tanto in anticipo per i vostri contributi futuri emoticon cuore

Convivere con la tristezza

• Animatore della community
Pubblicato il

Cari membri come state oggi? @Spogliedimenticate@giada78@Laura95@Evette‍ avete visto la nostra discussione? Qual è la vostra esperienza a riguardo con la malattia? Grazie mille in anticipo emoticon occhiolinoemoticon occhiolino

Convivere con la tristezza


Pubblicato il

A che serve, è inutile...almeno per me. Il periodo della pandemia ha reso tutti più instabili. Lo so, perchè lavoro dentro un grosso centro commerciale. Il lavoro è diventato più pesante in tutti i sensi. Mettermi in malattia? Forse peggio! I dottori, lo psichiatra che al tuo disagio ti risponde: "Non so come aiutarla" . L'analista che sempre più distrattamente per telefono mi dice sempre le stesse stancanti e asfissianti cose e purtroppo per me, essendo molto lucido e razionale capisco che costui si è stancato. Continuo a chiedergli risposte che non mi dà. ma lui gioca, girando e rigirando la solita solfa. Voglio risposte! Non contentini! Voglio strumenti validi per cambiare, non fumose parole o inviti utopici che sai benissimo non mi posso permettere.

Tutto questo è devastante, persino gli addetti ai lavori sono incapaci.  Vado sempre più giù. Non voglio attenzioni, ne essere il centro di niente o il narcisista di turno che soffre perchè il mondo non gli dà retta.

Io parlo e poi ascolto come un mantra frasi fatte che,  propinate  pronte e precotte sono poi trascritte nel foglio di diagnosi e a fine seduta infilate in un fascicolo con nome e cognome. Passano gli anni e ingenuamente chiedo al dottore" A che le serve?" Risposta: "A ricodare" Mi chiedo cosa c'è da ricordare se siamo sempre al punto di partenza? Vorrei risposte, vorrei concretezza, vorrei il modo di cambiare o aggiustare quello che si è rotto, vorrei si fornissero strumenti utili e disponibili per aiutare veramente. Non me ne faccio niente di parole o suggerimenti che sanno di utopia o inviti irrealizzabili. Ripeto vorrei concretezza, ma ahimè, sono lì per 50 minuti e poi avanti un altro.

Lo so che c'è gente che soffre più di me, non ho il paraocchi e se posso "Aiutare" Quando ne ho modo e possibilità, non mi tiro indietro. 

Ho così tante ragioni reali e materiali riguardo la mia sofferenza  e intorno non vedo altro che un mare di indifferenza e desolazione. Tutti i giorni indosso la maschera della persona cosiddetta normale, a lavoro, a casa, ovunque mi trovi devo sempre mascherare il mio me stesso.  A fine giornata vado a letto prendo la mia abituale pasticchetta antidepressiva ( che non mi fa niente e il rivotril 2 o 3 gocce assolute per anestetizzare i muscoli facciali sempre contratti). Arriva il sonno quando arriva e sempre mi chiedo "A che pro? Ho perso tutto! Famiglia, persone, affetti, un figlio che non mi chiama in nessun modo da 8 anni  e ancora adesso mi chiedo perchè?! Ecc. ecc. ecc. troppe cose.

Capisco che l'unica cosa importante è "L'ascolto" Io ascolto le tante persone che incontro al centro commerciale in cui lavoro: colleghi, dipendenti e persone estranee che chiedono informazioni o altro. Vedo i loro volti quasi ne leggo il loro io. C'è un mare di umanità che passa e nel passare vedo contrasti e contraddizioni. Vedo un "Umano" che ha i suo mondo e questo mondo se lo tiene stretto a se perchè se così non fosse sarebbe perduto come me.

Sono arrivato alla frutta ormai penso che pianificherò la mia dipartenza a breve, sono vecchio e stanco. Inutile al vivere e vuoto nell'anima.

Convivere con la tristezza

• Animatore della community
Pubblicato il

Grazie mille del tuo contributo @Poseidonealfa‍. Non mollare mai emoticon cuore 

Cari membri @Susanna76@Pamela08@Aggiripi@Oblivion85@Ladyfox88@LionSa‍ vi invito a condividere le vostre esperienze con noi. Come vi sentite oggi? Qual è il vostro umore? Vi ringrazio tanto in anticipo emoticon occhiolino

Discussioni più commentate