https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/depressione.jpg

Pazienti Depressione

8 risposte

77 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il

Ho un lavoro "buono" nel quale riesco tutto sommato bene anche se a costi enormi in termini di affanno e fatica. Cerco di tenere vivi gli interessi extra, e solo apparentemente ci riesco. Ho trasformato ogni azione in un compito da svolgere. Non godo delle mie passioni né delle cose belle, e mi sento sotto fatica cronica. Mi sembra di dovere tutto a tutti e non so prendermi cura di me, 

Visto dal di fuori, sono molto allegro: chi mi conosce mi vede simpatico, alla mano, spiritoso, ma provo un senso pervasivo di disinteresse e 'umore vira al grigio. Non mi connetto davvero a nessuno, il punto è che non mi va. Adempio, faticosamente, ai soli obblighi sociali.

Non riesco a godere della solitudine, ma nemmeno della compagnia. Oscillo tra il sonno e l'insonnia, che comunque appaiono nei momenti sbagliati. Sono cronicamente stanco.

Non fumo, non bevo, non uso psicofarmaci, non piango, non mi lamento. Non chiedo appoggio alle persone amiche.

Non so se questo è "dolore". 

Grazie a chi leggerà.

Inizio della discussione - 23/10/18

Tutto mi lascia indifferente

• Animatore della community
Pubblicato il

Ciao @friariello71‍ e grazie del tuo contributo. Molto interessante emoticon clover Spero che qui troverai conforto e sollievo. 

Qualcuno vuole condividere la sua esperienza con noi? Vi ringrazio in anticipo. Buona gionata emoticon occhiolino

Tutto mi lascia indifferente


Pubblicato il

Ciao, anch'io provo un disinteresse nei confronti della vita, ma nel mio caso è un disinteresse sociale, in giro non trovo persone che mi stimolino interesse per conversare.

Tutto mi lascia indifferente

• Animatore della community
Pubblicato il

Grazie @DanyDaniela‍ del tuo contributo emoticon occhiolino

Tutto mi lascia indifferente


Pubblicato il

Ciao,

prima di tutto hai fortuna ad avere un buon lavoro (io sono disoccupato)

Quando ero depresso anch'io non riuscivo a godermi la vita proprio come hai descritto tu

Io uso psicofarmaci, anche se non bevo non fumo, mangio senza sale e senza zucchero

Parlo molto poco (parlavo molto poco, perche' adesso sto molto meglio da un breve periodo e ho ricominciato a parlare)

Quello di cui parli, il disinteresse, distacco dalla vita sono tipici delle persone depresse, nel senso che il 90%  "non mi connetto davvero a nessuno". Mal comune mezzo gaudio. A parte gli scherzi la situazione che vivi e' molto invalidante ed io la conosco bene.

Ma se ne puo' uscire, io sono riuscito ad uscirne (con l'aiuto degli psicofarmaci, che oggi sono molto piu' delicati e puntuali che nel passato remoto (io mi sono ammalato) piu' di 40 anni fa!

"visto da fuori sono molto allegro, simpatico, spiritoso"   accidenti darei la vita per essere come sei tu: e' sempre un vantaggio nella vita sapersi mettere delle maschere e "giocare" vari ruoli.

Che non riesci a prenderti cura di te e' un fatto molto negativo: dovresti entrare piu' inparticolare su questo tema...

grazie per averci scritto (certo che leggiamo, siamo qui per questo) Ciao

Tutto mi lascia indifferente


Pubblicato il

Come ti capisco........

Tutto mi lascia indifferente


Pubblicato il

@Liofante, non riesco a prendermi cura di me nel senso che, mentre trottolo per il lavoro e per far piacere ad amici e partner, rimando le visite mediche, o la realizzazione delle mie passioni. Addirittura, finisco per non coltivare le amicizie. Percepisco il tentativo di farmi sentire in colpa anche quando non esiste, e quindi evito di fare alcune cose per "l'altra persona" (chiunque lui/lei sia). Mi sono imposto un modo di fare per cui "io posso aspettare", mentre gli altri sono sempre prioritari, Quando le cose iniziano a starmi troppo strette, poi, tento la figa, mi do alla macchia. Perché non so puntare i piedi, non so gestire il conflitto in quanto qualunque cosa mi venga detta mi sembra già importante di quello che penso io e, visto che nel confronto "perdo sempre", chi me lo fa fare di affrontarlo?

(Grazie, comunque, per la bella risposta) :)

Tutto mi lascia indifferente


Pubblicato il

Ciao Friariello

Prendersi cura di noi stessi e' la soluzione del problema. Volersi bene (voler bene a se stessi), curare la tua persona fisica e psichica.  Gli altri sono importanti ma solo se tu vivi in una situazione di benessere. Insomma gli altri non possono essere prioritari.

Cosa intendi dire quando affermi che ti dai alla fuga?

Dici che non sai puntare i piedi, ma contro cosa? Chi ti minaccia? Perche' non sai affrontarlo. Affrontare il "mostro" che ti divora dall'interno questo e' assolutamente necessario. La vita e' tutta li'. Ti auguro di smettere di "far piaceri" agli altri. Prima di tutto noi stessi

E' cosi' anche secondo la religione ebraica (io sono ebreo), il comandamento di Dio e' "cura te stesso"

Ama il prossimo tuo come te stesso (presuppone che tu ami te stesso)

Sono certo che non perdi sempre, forse a volte si e a volte no.

Tutto mi lascia indifferente


Pubblicato il

Ciao, secondo me la risposta te la sei data da solo: per te è tutto un compito da svolgere, una cosa che devi fare a priori perché sì. So che si fa presto a parlare, ma perché non la smetti di fare quello che ti dicono che dovresti e fai quello che vuoi?

Discussioni più commentate