https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/ictus.jpg

Pazienti Ictus

4 risposte

43 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il
Buon consigliere
Ciao a tutti. Età, ipertensione arteriosa, inattività fisica o diabete sono tra i fattori di rischio per l'ictus. Prima del tuo ictus, sapevi di esssere una persona "a rischio"? Grazie per il tuo contributo.

Inizio della discussione - 12/10/15

Ictus: i fattori di rischio


Pubblicato il

Salve,vorrei aggiungere solo un'altra cosa molto importante,che viene spesso sottovalutata e che nel mio caso,donna sana e iperattiva/sportiva è stato il fattore scatenante e cioè lo stress! Purtroppo è difficile dimostrarlo,ma succede assai spesso...

Ictus: i fattori di rischio


Pubblicato il
Buon consigliere

Ciao ferrari75, grazie per questa precisazione. effettivamente anche lo stress puo' giocare un ruolo importante, contribuendo per altro a sbilanciare gli altri fattori e, di conseguenza, a incidere sulla possibilità di ictus. nel tuo caso, ti sei accorta di essere a rischioo a causa del tuo stress eccessivo ? sei riuscita, dopo questo evento a riequilibrare il tuo stile di vita da questo punto di vista? grazie per il tuo contributo che sicuramente sarà di aiuto alla community. Un saluto, Francesco

Ictus: i fattori di rischio

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Vorrei sottolineare che la causa più frequente di ictus e infarto è l'IPERTENSIONE arteriosa.
Molti pazienti prendono la pillola per l'ipertensione prescritta loro dal medico di base e misurano la pressione al MATTINO, trovando valori corretti (minori di 140/90).
Purtroppo molti non sanno che la pressione arteriosa si innalza MOLTO di sera (verso le 19) e si mantiene alta di notte (fino alle 4 del mattino) per ritornare su valori normali al mattino.
I pazienti ipertesi che leggono questo post possono controllare quello che sto affermando MISURANDO la propria pressione alle 19 e alle 2 del mattino.

Nel caso trovassero valori anormalmente alti (ad esempio massima maggiore di 160) è consigliabile avvisare il proprio medico di base perché sono a forte rischio di ictus e infarto.

Io mi sono accorto di questo fatto in modo casuale e ho provveduto a cambiare le mie abitudini spostando al tardo pomeriggio il movimento quotidiano di un'ora ( passeggiata VELOCE ) che faccio per mantenermi in forma. Tale movimento è in grado di abbassare la pressione anche di 20 punti e perciò di mantenerla bassa anche di notte, come ho potuto controllare.

E' da notare che le statistiche rivelano che la maggior parte degli ictus avvengono di notte.

Il mio motto è: La salute è una cosa troppo seria per disinteressarsene.

Ictus: i fattori di rischio


Pubblicato il

Da 6 mesi prendo Lyrica con molti effetti collaterali, tra cui mal di testa, dolori ai muscoli, sensazione di malessere e nausea e mal di pancia. Ho provato a smettere e per un paio di giorni mi sentivo meglio, adesso ho ricominciato e i disturbi mi sono tornati. Avete esperienze con questo farmaco? un abbraccio 

Discussioni più commentate