Tumore della pelle: sapere tutto

/static/themes-v3/default/images/default/info/maladie/intro.jpg?1516194360

Tumore della pelle: sapere tutto

Cos'è il tumore della pelle? 

Definizione

La pelle è l'organo più pesante e più grande del corpo umano con una superficie di circa 2m². È composta da 3 strati di tessuto: l'epidermide, il derma e l'ipoderma. Svolge molte funzioni essenziali per il corpo, come la protezione dalle aggressioni esterne (batteri, virus, raggi UV, sostanze chimiche, urti, ecc.), la difesa da queste aggressioni grazie alle numerose cellule immunitarie che contiene, la regolazione della temperatura corporea, la sintesi degli ormoni (in particolare la vitamina D), ecc.

Un cancro corrisponde alla trasformazione di una cellula inizialmente normale che prolifera eccessivamente per formare una massa chiamata tumore maligno.

Ci sono due tipi principali di cancro della pelle: i carcinomi cutanei e i melanomi.

I carcinomi cutanei

I carcinomi cutanei sono i più comuni tumori della pelle (90% dei tumori della pelle) e sono anche tra i più comuni tumori dell'adulto. Ci sono due tipi principali di carcinoma della pelle: i carcinomi a cellule basali e i carcinomi a cellule squamose.

I carcinomi a cellule basali, i più frequenti, si sviluppano dai cheratinociti dello strato profondo dell'epidermide. Si verificano principalmente nelle zone esposte quotidianamente alla luce del sole (viso, collo, arti, ecc.). La loro malignità è locale, cioè non metastatizzano nel corpo. Tuttavia, se non trattati, possono invadere e distruggere la pelle e i tessuti sottostanti come l'osso o la cartilagine. Di solito si verificano sulla pelle sana. Ci sono diverse forme di carcinoma basocellulare: nodulare (il più comune), superficiale e sclerodermico.

I carcinomi a cellule squamose si sviluppano nello strato medio dell'epidermide. Inoltre, si verificano principalmente nelle zone solitamente esposte al sole (viso, scollatura, arti, ecc.) e possono raggiungere le membrane mucose (labbra, genitali, ecc.). Si sviluppano generalmente da lesioni cutanee preesistenti (cheratosi attiniche, cicatrici da ustioni, ferite cutanee, malattia di Bowen, ecc.) La prognosi di questi carcinomi è meno buona perché, se non trattati, possono diffondersi e metastatizzare ai linfonodi o ad organi lontani.

I melanomi

I melanomi si sviluppano dai melanociti, le cellule responsabili della produzione di melanina, il pigmento che dà colore a occhi, capelli e pelle. La maggior parte dei melanomi si sviluppa su pelle sana, senza lesioni preesistenti (80% dei casi) e appare in questo caso come una macchia pigmentata. Possono anche svilupparsi da un neo preesistente (20% dei casi).

Ci sono 4 tipi di melanoma: melanoma superficiale esteso, melanoma di Dubreuilh, melanoma nodulare e melanoma acrolentiginoso. Si tratta di tumori potenzialmente aggressivi che, se non trattati, invadono i tessuti profondi e altre parti del corpo e causano metastasi.

I melanomi hanno un alto potenziale metastatico.

Quanto è comune il tumore della pelle?

Nel 2020 in Italia sono attese circa 14.900 nuove diagnosi di melanoma.

Tra questi, i carcinomi della pelle rappresentano il 90% di questi tumori, con il 70% di carcinomi a cellule basali e il 20% di carcinomi a cellule squamose.

I melanomi rappresentano il 10% dei tumori della pelle.

Il numero di casi di cancro della pelle è triplicato tra il 1980 e il 2018, in particolare a causa dell'invecchiamento della popolazione e dell'aumento dell'esposizione ai raggi ultravioletti (UV).

I carcinomi cutanei

La prognosi dei carcinomi cutanei è relativamente buona con una guarigione osservata nella maggior parte dei casi, in particolare per i carcinomi basocellulari che si sviluppano localmente e non metastatizzano mai.

I carcinomi a cellule squamose hanno una prognosi più sfavorevole rispetto ai carcinomi a cellule basali a causa della possibilità di diffusione metastatica quando il cancro viene rilevato in ritardo, tuttavia, nella maggior parte dei casi vengono rilevati in una fase iniziale e sono facilmente curabili.

L'età media alla diagnosi è quasi 10 anni più alta per i carcinomi a cellule squamose che per quelli a cellule basali. L'età media alla diagnosi è di 77 anni per le donne e 74,4 anni per gli uomini per i carcinomi a cellule squamose, mentre è di 66,5 anni per le donne e 66,7 anni per gli uomini per i carcinomi a cellule basali.

I melanomi

La prognosi del melanoma è anche relativamente buona se viene scoperto in uno stadio iniziale. Infatti, il tasso di sopravvivenza a 5 anni (numero di persone vive 5 anni dopo la diagnosi) è di circa il 98% per una scoperta in uno stadio localizzato (precoce). D'altra parte, quando viene scoperto allo stadio metastatico, la prognosi è molto povera con un tasso di sopravvivenza a 5 anni di circa il 15%.

L'età media alla diagnosi è di 60 anni, tuttavia, il melanoma è il cancro più comune nei giovani adulti (tra i 25 e i 50 anni).

Cause e fattori di rischio del tumore della pelle

Esposizione al sole

L'esposizione al sole è uno dei principali fattori di rischio per il cancro della pelle. Infatti, i raggi ultravioletti (UV) sono in grado di causare alterazioni nel DNA delle cellule della pelle, che possono portare alla loro cancerogenesi. Questi raggi sono stati classificati come cancerogeni per l'uomo dal 2009 dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (CIRC).

La comparsa dei carcinomi della pelle è favorita dall'esposizione ripetuta e prolungata al sole per molti anni. Compaiono sulle zone più esposte al sole (viso, collo, spalle, arti, ecc.).

I melanomi hanno maggiori probabilità di svilupparsi in seguito a un'esposizione intermittente e intensa al sole (che causa scottature) e in particolare durante l'infanzia o l'adolescenza.

Luce ultravioletta artificiale

Studi sperimentali hanno dimostrato che il rischio di cancro alla pelle è aumentato dall'uso precoce e regolare di cabine abbronzanti. Infatti, questi utilizzano principalmente i raggi UVA in dosi molto più elevate rispetto alla luce naturale.

Le autorità sanitarie di molti paesi sconsigliano quindi l'uso di queste cabine abbronzanti.

Il fototipo

Il fototipo, un fattore di rischio interno, cioè costitutivo dell'individuo, corrisponde alla reazione della pelle all'esposizione solare.

Questo è molto importante da prendere in considerazione nei tumori della pelle. Infatti, ogni individuo non ha lo stesso livello di rischio di sviluppare il cancro della pelle per la stessa quantità di esposizione al sole.

Si fa una distinzione tra i fototipi da I a VI:

  • Fototipo I: Pelle molto chiara, capelli biondi o rossi, lentiggini, occhi blu/verdi. Non si abbronza mai, si scotta sempre.
  • Fototipo II: Pelle molto chiara, capelli biondi o castano chiaro, lentiggini al sole, occhi chiari o marroni. Si abbronza con difficoltà e spesso si scotta.
  • Fototipo III: pelle chiara, capelli biondi o castani, poche o nessuna lentiggine, occhi marroni. Si abbronza gradualmente, a volte si scotta.
  • Fototipo IV: pelle opaca, capelli marroni o castani, occhi marroni/neri. Si abbronza rapidamente, si scotta poco.
  • Fototipo V: pelle scura, capelli scuri, occhi neri. Si abbronza facilmente, raramente si scotta.
  • Fototipo VI: pelle molto scura o nera, capelli neri, occhi neri. Si abbronza costantemente e molto facilmente, non si scotta mai.

I fototipi con pelle, capelli e occhi chiari sono più a rischio di sviluppare il cancro della pelle.

Nei (melanoma)

Anche il numero di nei (nevi) e il loro aspetto sono fattori importanti nel rischio di melanoma. Infatti, il 20% dei melanomi si sviluppa da un neo preesistente.

Così, diversi fattori aumentano il rischio di melanoma:

  • Un alto numero di nei (50 o più);
  • Presenza di un neo congenito (presente dalla nascita) di grandi dimensioni (>20 cm);
  • Presenza di due o più nei atipici (asimmetrici, bordi irregolari, diverse tonalità di colore, diametro >6 mm).

Immunodepressione

L'abbassamento delle difese immunitarie (immunosoppressione) porta ad un aumento del rischio di cancro della pelle.

I pazienti che hanno ricevuto trapianti d'organo devono prendere trattamenti immunosoppressivi per limitare il rischio di rigetto, ma questi trattamenti causano immunosoppressione, che aumenta il rischio di cancro della pelle.

Inoltre, le malattie che riducono il sistema immunitario (HIV, leucemia) sono anche fattori di rischio per questi tumori.

Storia personale (melanoma)

Una persona che ha già avuto un melanoma è a maggior rischio di svilupparne un secondo.

Predisposizione familiare (melanoma)

In Italia, il 10% dei melanomi sono legati a geni di predisposizione. Infatti, ci sono forme familiari di melanoma che si sospettano quando diverse persone nella stessa famiglia sono state colpite dal melanoma. Così, il rischio di melanoma è aumentato quando almeno due parenti di primo grado (padre, madre, fratello o sorella) hanno avuto un melanoma.

Un follow-up specifico viene effettuato nelle persone che sono portatrici di questi geni di predisposizione

Altri fattori di rischio

Sono stati identificati altri fattori di rischio per il cancro della pelle:

  • Esposizione ripetuta ai raggi X o ai raggi gamma, specialmente con la radioterapia (carcinomi della pelle);
  • Esposizione ripetuta all'arsenico o al catrame (carcinomi della pelle);
  • Infezioni da Papillomavirus (HPV) per i carcinomi a cellule squamose;
  • Alcune malattie genetiche: Xeroderma pigmentosum o albinismo oculocutaneo.

Diagnosi del tumore della pelle

Screening

Questo si basa essenzialmente sulla consultazione di un dermatologo su iniziativa propria o del proprio medico, non appena appare una lesione sospetta o un neo insolito, o su base regolare, senza alcuna lesione particolare, come consultazione di sorveglianza.

Si raccomanda un regolare auto-esame della pelle per rilevare qualsiasi cambiamento in un neo o la comparsa di qualsiasi lesione.

Per monitorare un neo e quindi differenziare i nei benigni dai melanomi, si possono utilizzare 3 elementi:

  • Individuare il neo che è diverso dagli altri;
  • Osservare qualsiasi cambiamento nell'aspetto di un neo o la comparsa di una nuova macchia marrone sulla pelle;
  • Usare la regola ABCDE per aiutarvi.

La regola ABCDE:

  • A come Asimmetria: un neo che non ha una forma né rotonda né ovale e i cui colori e rilievi non sono distribuiti uniformemente intorno al suo centro;
  • B per Bordi irregolari: bordi frastagliati e poco definiti;
  • C per colore non omogeneo: presenza disordinata di più colori (nero, blu, marrone, rosso o bianco);
  • D per diametro in aumento: i melanomi sono di solito più grandi di 6 mm;
  • E per Evoluzione: rapido cambiamento di dimensione, forma, colore o spessore.

Diagnosi

Durante la consultazione con il dermatologo, al paziente viene chiesto il suo stato di salute generale, la storia personale e familiare di tumori della pelle e qualsiasi fattore di rischio.

Il dermatologo esegue quindi un esame clinico per esaminare la pelle alla ricerca di eventuali lesioni anomale o nei sospetti. Il dermatologo analizza tutta la pelle con un dermoscopio, uno strumento che include un sistema di ingrandimento e una fonte di luce.

Quando una lesione o un neo appare anormale e il dermatologo sospetta un cancro della pelle, viene eseguita una biopsia, cioè la rimozione di un frammento di tessuto che appare anormale, per l'analisi. In alternativa, quando la lesione è piccola, l'intera lesione viene rimossa e analizzata, formando così la diagnosi e il trattamento.

È poi l'esame anatomopatologico della lesione rimossa che permette di confermare o meno la diagnosi di cancro della pelle. Questo esame viene effettuato da uno specialista, prima a occhio nudo e poi con un microscopio, e permette di analizzare il tessuto e determinare se è canceroso o meno, e nel caso del cancro della pelle, se si tratta di carcinoma basocellulare, carcinoma squamocellulare o melanoma. Ci sono anche sottotipi di ogni cancro della pelle che l'esame determinerà anche.

Una volta determinato il tipo e il sottotipo di cancro della pelle, viene effettuata una valutazione dell'estensione. Nel caso del carcinoma basocellulare, non c'è un work-up particolare da effettuare perché il danno è locale e non c'è rischio di diffusione metastatica.

D'altra parte, nel caso del carcinoma a cellule squamose, si cerca un attacco ai linfonodi vicini. A tal fine, il medico esegue un esame clinico ed eventualmente un'ecografia. Ulteriori esami possono essere effettuati se c'è un sospetto di estensione ad altri organi.

Infine, nel caso del melanoma, l'esame anatomopatologico permette anche di determinare i principali fattori prognostici come:

  • Lo spessore del melanoma, misurato dall'indice di Breslow: più il tumore è spesso, peggiore è la prognosi;
  • L'ulcerazione del melanoma: quando il tumore è ulcerato, la prognosi è peggiore;
  • Il calcolo dell'indice mitotico: numero di mitosi/mm².

Questo permette di determinare lo stadio del melanoma e quindi di guidare il trattamento.

A seconda dello spessore del melanoma, sarà effettuata una seconda operazione (resezione) per assicurarsi che tutte le cellule cancerose siano rimosse e per limitare il rischio di recidiva.

Per i melanomi che richiedono un trattamento farmacologico, la ricerca delle mutazioni BRAF V600 e più raramente C-kit viene effettuata per guidare la prescrizione di alcuni trattamenti.

I trattamenti del tumore della pelle

Il trattamento principale per i tumori della pelle in fase iniziale è la chirurgia.

Quando il tumore è locale, si esegue l'escissione chirurgica, cioè il tumore viene rimosso insieme ad alcuni millimetri di tessuto sano circostante, sia sopra che sotto la superficie (margine di sicurezza).

Trattamento dei carcinomi cutanei

In generale, la chirurgia è sufficiente per il trattamento dei carcinomi a cellule basali e a cellule squamose. Il chirurgo esegue un'escissione chirurgica, cioè rimuove il tumore e alcuni millimetri di tessuto sano circostante, sia in superficie che in profondità. L'obiettivo principale è quello di rimuovere tutte le cellule tumorali per limitare il rischio di recidiva, motivo per cui il margine di resezione (l'area di tessuto sano rimosso intorno alla lesione) varia a seconda del carcinoma.

In alcuni casi, può essere utilizzata un'altra tecnica chirurgica, la chirurgia di Mohs, che comporta la rimozione del tumore in piccoli strati di cellule per consentire la rimozione del cancro preservando quanto più tessuto sano possibile. Tuttavia, questa tecnica è disponibile solo in alcuni centri e viene utilizzata solo in casi specifici.

La crioterapia, cioè la distruzione del tumore con il freddo, può essere utilizzata anche per le lesioni superficiali. In questo caso, l'azoto liquido viene applicato direttamente alla lesione.

Per le lesioni più avanzate e quando la chirurgia non è possibile, si usa la criochirurgia, una tecnica che consiste nell'introdurre una sonda refrigerata nel tumore.

Infine, la radioterapia, una tecnica che utilizza le radiazioni per distruggere le cellule tumorali, viene utilizzata per i carcinomi ricorrenti o localmente estesi e quando la chirurgia non è possibile o il paziente è contrario.

Trattamenti del melanoma

Nel caso del melanoma, la scelta del trattamento viene fatta in una riunione di consultazione multidisciplinare (RCM) a cui partecipano diversi specialisti che determinano il trattamento più appropriato. Questa scelta viene fatta sulla base delle caratteristiche del melanoma e in particolare del suo stadio (grado di estensione), del suo grado (grado di aggressività), del suo tipo istologico (tipo di cellule coinvolte) e della sua localizzazione.

Diversi tipi di trattamento possono essere utilizzati per trattare il melanoma: chirurgia, trattamenti farmacologici e radioterapia.

Chirurgia

La chirurgia è il principale trattamento per il melanoma. Nel trattamento del melanoma che ha metastatizzato, può essere combinata con un trattamento farmacologico o con la radioterapia.

L'obiettivo principale della chirurgia è quello di rimuovere tutte le cellule cancerose per limitare il rischio di recidiva, ed è per questo che il margine di escissione (l'area di tessuto sano rimosso intorno alla lesione) varia a seconda del melanoma.

In primo luogo, il chirurgo esegue un'escissione diagnostica, cioè rimuove la lesione per confermare la diagnosi di melanoma. Poi, se necessario, si esegue un'escissione ripetuta, cioè si programma un secondo intervento chirurgico per completare il primo e rimuovere così un margine più ampio di tessuto sano intorno al tumore. Questo è anche conosciuto come resezione estesa.

In alcuni casi, può essere eseguita anche un'asportazione del linfonodo sentinella, cioè il chirurgo rimuoverà il primo o i primi linfonodi situati nella zona di drenaggio del tumore per analizzarli e verificare se sono stati invasi da cellule tumorali. Se il o i linfonodi sono invasi, può essere decisa la dissezione linfonodale (rimozione dei linfonodi nella zona di drenaggio del tumore).

Trattamenti farmacologici

3 tipi principali di trattamento farmacologico sono usati per trattare il melanoma:

  • Immunoterapia ;
  • Terapie mirate;
  • Chemioterapia convenzionale.

Questi trattamenti non sono utilizzati per trattare tutti i melanomi. A seconda del caso, possono essere utilizzati per alcuni melanomi allo stadio II, III e IV.

L'immunoterapia è un approccio terapeutico che stimola il sistema immunitario del paziente a combattere la malattia e, nel caso del cancro, a distruggere il tumore.

Questa strategia terapeutica non colpisce direttamente il tumore, ma agisce stimolando il sistema immunitario.

Le terapie mirate agiscono specificamente bloccando la crescita delle cellule tumorali o bloccando la crescita dei vasi sanguigni che alimentano il tumore e gli permettono di ottenere nutrimento e ossigeno.

Questo approccio impedirà quindi lo sviluppo del tumore agendo direttamente sulla sua crescita o agendo sui vasi sanguigni che forniscono gli elementi essenziali per la sua crescita.

La chemioterapia è un trattamento anti-cancro che mira ad eliminare le cellule cancerose ovunque si trovino nel corpo. Funziona distruggendo queste cellule o impedendo la loro moltiplicazione.

Radioterapia

La radioterapia, una tecnica che utilizza le radiazioni per distruggere le cellule tumorali, è raramente usata nel trattamento del melanoma. Può essere offerto per alleviare i sintomi di una metastasi ossea o cutanea, per esempio.

Il controllo medico

Dopo il trattamento del tumore della pelle, c'è bisogno di un ampio follow-up per tutta la vita del paziente. Infatti, i pazienti che hanno già contratto un cancro della pelle sono a maggior rischio di svilupparne un altro.

Inoltre, nei primi anni dopo il cancro della pelle, il rischio di recidiva è alto, quindi un regolare follow-up medico è essenziale per monitorare la comparsa del cancro della pelle.

Questo viene fatto attraverso consultazioni di follow-up con il dermatologo e il medico curante del paziente, su base regolare durante i primi anni e con visite leggermente più frequenti in seguito.

Durante queste consultazioni, il medico esegue un esame clinico di tutta la pelle e della cicatrice. Palpa anche i linfonodi. Se necessario, possono essere effettuati anche esami di imaging.

Infine, al paziente viene insegnato come eseguire un autoesame della pelle per individuare eventuali lesioni o nei sospetti. Avverte anche il paziente sui fattori di rischio per i tumori della pelle e in particolare sul pericolo dell'esposizione al sole.

In conclusione, i tumori della pelle consistono in realtà in 3 diversi tipi di cancro, a loro volta suddivisi in sottotipi. I carcinomi cutanei sono tumori relativamente frequenti ma rimangono localizzati la maggior parte delle volte, anche se il carcinoma a cellule squamose può metastatizzare se non trattato in tempo. Il melanoma è un altro cancro della pelle meno comune ma più grave.

Il principale fattore di rischio per i tumori della pelle è l'esposizione ripetuta o intensa al sole, quindi la prevenzione di tale esposizione è la prevenzione più importante contro questi tumori.

Fonti:
Les carcinomes, dermato-info

Qu'est-ce qu'un cancer de la peau ?, e-cancer

Qu'est-ce qu'un cancer de la peau ?, Fondation ARC

Carcinomes cutanés, CHU de Bordeaux

Les cancers baso-cellulaires, info-cancer

Les mélanomes, dermato-info

Le mélanome, info-cancer

Le mélanome de la peau : points clés, e-cancer

Pubblicata il 4 set 2018 • Aggiornato il 26 gen 2021

avatar Manon Astruc

Autore: Manon Astruc, Studente di farmacia, Redattrice di Salute

Manon è una studentessa di farmacia del 5° anno alla facoltà di Châtenay-Malabry. A Carenity, si occupa di scrivere le schede malattie. Ha un interesse particolare per la cardiologia e la cancerologia...

>> Per saperne di più

La community Tumore della pelle

Ripartizione dei 33 membri su Carenity

Età media dei nostri pazienti

Schede malattie

Tumore della pelle sul forum

Vedi il forum Tumore della pelle

News Tumore della pelle

Vedi più news