/static/themes-v3/default/images/default/home/bg-generic.jpg?1516194360

Pazienti Bulimia

4 risposte

39 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il

Ciao a tutti :)!! Sono una ragazza di quasi vent'anni e mi sono iscritta al forum per provare a confrontarmi con qualcuno che ha avuto o sta avendo tutt'ora problemi di bulimia. Ho cominciato da pochi mesi un percorso con psicologa e dietista, ma mi assilla sempre di più il dubbio che la terapia non stia ingranando perchè sono "pigra". Perchè le abbuffate continuano? perchè la routine di rimettere di ripete? Perchè non si provano ad evitare le situazioni che mettono in condizione di perpetuare il problema?

Inizio della discussione - 03/02/17

La volontà

• Animatore della community
Pubblicato il

Qualcuno vuole rispondere a @RebeccaCode ? 

Grazie in anticipo ?

La volontà


Pubblicato il

Ciao Rebecca, quanti mesi sono passati da quando hai iniziato la terapia?

Non hai trovato proprio alcun giovamento? Anche se le abbuffate non sono ancora scomparse, hai iniziato a prendere consapevolezza, a capire un po' più cosa provi e le ragioni del tuo malessere?

La psicoterapia non ci fa guarire subito, come una pillola. Ci mette in mano gli strumenti con i quali noi possiamo rialzarci. Magari tu non ti senti ancora pronta a rialzarti, magari non vuoi rialzarti... Dietro questo "masochismo" si nasconde una sofferenza. Senza accorgercene vogliamo farci del male, perchè in qualche modo sentiamo di meritarcelo. Ecco, la psicoterapia dovrebe farti capire perchè provi queste cose. Una volta capito, sarai tu a smettere di farlo spontaneamente. La pigrizia è solo la maschera della sofferenza! Si, è vero, rialzarsi è faticoso. Volersi male è molto più facile che volersi bene. Pero un giorno ti sveglierai e dirai "non sono io quella che deve soffrire, perchè io non ho nessuna colpa", e sarà quello il momento in cui le cose inizieranno ad andare meglio.

Se non vedi alcun giovamento di alcun tipo, potresti anche provare a cambiare terapeuta, ma ricorda che non è mai una cosa saggia, perchè significherebbe dover ricominciare tutto da capo (il nuovo psicoterapeuta dovrebbe iniziare a conoscerti piano piano, a capirti, e ci vorrà del tempo prima che la terapia inizi effettivamente ad agire).

Facci sapere, e tieni duro nel frattempo. Cerca di volerti del bene, perchè tu lo meriti.

 
La volontà


Pubblicato il

Penso che tu abbia ragione, anche perche sí, la terapia l'ho cominciata da poco ( a ottobre). Solo che mi hanno spiegato che la prima linea d'azione da parte loro consiste nel "forzarmi"  a rimettere un po a posto l'alimentazione. Che ffettivamente è un disastro.. Però a proposito dei motivi più profondi del disturbo ancora non se ne parla, perché mi hanno detto che quella parte verrà col tempo.. Non mi piacerebbe cambiare psicologa, però a volte mi sembra un approccio troppo prolisso! Insomma non posso mettere a posto una cosa e poi l'altra, credo. 

Inoltre mi ha accennato come tipo di terapia utilizzerebbe " disturbo post traumatico da stress" , ovvero andrebbe a indagare le ragioni per cui ho iniziato a reiterare comportamenti sbagliati, per poi dimenticare il problema di partenza. Qualcun'altro ha seguito questo tipo di percorso ?

La volontà


Pubblicato il

Ciao Rebecca, anche io mi sono iscritta da poco su questo forum.

Come va la terapia?

Io non ho ancora fatto questo genere di percorso, cioè in passato ho partecipato a delle psicoterapie ma non in merito ai disturbi alimentari.

Discussioni più commentate