https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/diabete-tipo-2.jpg

Pazienti Diabete tipo 2

3 risposte

95 visualizzazioni

Tema della discussione

1

Membro Carenity
Pubblicato il

La metformina a lungo andare diventa un killer?

Inizio della discussione - 25/04/19

Metformina
2

Membro Carenity
Pubblicato il

Che vuol dire ,, che non bisogna prenderla ? 

Metformina
1

Membro Carenity
Pubblicato il
Buon consigliere

@pseudonimo nascosto‍ 

Ti parlo delle mie convinzioni in materia, senza avere la presunzione di essere il possessore della verità. A me sembra che la metformina sia una MEDICINA come tutte le altre e, in quanto medicina, presenta  tutti i possibili EFFETTI COLLATERALI che puoi leggere nel foglietto informativo allegato alla confezione. 
I fatti riguardanti la metformina sono essenzialmente due:

1) essa NON CURA il diabete. Ovvero prendendo la metformina NON SI GUARISCE dal diabete, anzi, in una certa misura, essa contribuisce a RENDERE CRONICO il diabete.

2) come tutti i farmaci essa dovrà essere SMALTITA dal nostro corpo, in particolare dai RENI. Contribuirà perciò sicuramente a danneggiare questi ultimi e, nel caso in cui questi funzionino male, potrà portare a una serie di DANNI ANCHE GRAVI, quali l'ACIDOSI LATTICA.

La domanda è: la metformina è indispensabile nel caso di diabete di tipo 2?
La mia esperienza, frutto di quattro anni di esperienza su me stesso, è NO, la metformina, nel caso di diabete di tipo 2, NON E' SEMPRE INDISPENSABILE, ma, nella maggior parte dei casi, soprattutto quando il diabete è associato a SINDROME METABOLICA, si può eliminare GRADUALMENTE a condizione di CURARE LA SINDROME METABOLICA.

Come si fa a sapere se si ha la sindrome metabolica?

Si considerano i seguenti parametri
1) girovita
2) trigliceridi
3) colesterolo HDL
4) pressione
5) glicemia
Quando 3 parametri fra i 5 precedenti escono fuori dai limiti normali allora si ha la sindrome metabolica.
In moltissimi casi (circa l'80% dei casi totali) il diabete di tipo due è associato alla SINDROME METABOLICA.
Per cui prendere la metformina senza eliminare la sindrome metabolica è come curare la FEBBRE di una malattia senza avere scoperto le cause.
Come si fa a curare la sindrome metabolica?
Agendo su ALIMENTAZIONE e MOVIMENTO.
L'alimentazione dovrà essere POVERA di CARBOIDRATI. Ovvero dalla alimentazione dovranno essere ASSENTI tutti gli ZUCCHERI SEMPLICI, quali lo zucchero, l'alcol, la pasta , il pane, la pizza di grano raffinato, gli amidi delle patate o delle banane. Potranno essere presenti, in quantità moderate, CARBOIDRATI ACCOMPAGNATI DA FIBRE. Le fibre infatti rallentano il transito intestinale e quindi evitano i picchi glicemici nel sangue. Si parla cioè dei carboidrati presenti nella FRUTTA, negli ORTAGGI e nei LEGUMI.
Frutta come le mele, le pere, le arance, i pompelmi, i kiwi potranno essere assunti a VOLONTA'.
Anche ortaggi come le carote, le rape, zucche, zucchine, cavoli o broccoli potranno essere assunti a volontà.
E lo stesso dicasi dei LEGUMI come fagioli o lenticchie.
Invece la carne rossa, il latte  e i formaggi dovranno essere assunti con estrema moderazione. Infatti questi alimenti sono ricchi di GRASSI SATURI che aumentano il rischio di ICTUS e INFARTO che, negli ammalati di sindrome metabolica è già molto alto.
Per abbassare i livelli di TRIGLICERIDI andranno assunti alimenti ricchi di OMEGA3 come pesci, olio di oliva, noci e mandorle.

Infine con relazione al MOVIMENTO questi dovrà essere MODERATO ma CONTINUATIVO.
E' inutile infatti fare sforzi intensi, ovvero palestra, due o tre volte la settimana. Molto meglio fare invece una camminata QUOTIDIANA a passo sostenuto, possibilmente di un'ora.

Se si segue l'alimentazione indicata prima e si fa la camminata quotidiana SI PUO' FARE A MENO DELLA METFORMINA E DI QUALSIASI ALTRO FARMACO.
Infatti tale stile di vita è in grado di aggiustare non solo la glicemia, ma anche tutti gli altri valori relativi alla SINDROME METABOLICA, come la pressione alta, i trgliceridi alti, il colesterolo HDL basso, il girovita eccessivo.
Come faccio a saperlo?

Perchè sono passato per questa strada e la conosco.
Quattro anni fa ero curato per trigliceridi, colesterolo, pressione, diabete e gotta per un totale di 11 (UNDICI) pastiglie al giorno. Risultato: i valori ematici PEGGIORAVANO nel tempo. 

Da quattro anni, dopo aver cambiato dieta e incominciato a fare una camminata costante di un'ora al giorno (in media; cammino con due o tre amici oppure da solo, ascoltando musica in cuffia) gradualmente sono riuscito a eliminare tutte le medicine.
La cosa più importante è che prima avevo 6.7 di emoglobina glicata. Il che significa DIABETE CONCLAMATO.
Adesso ho 5.9 di emoglobina glicata. Il che significa, per quanto mi riguarda, ASSENZA DI DIABETE.
Questo è quanto.
Potete continuare a fare la vita di sempre. Ovvero mangiare e bere di tutto e prendervi le vostre dosi di metformina quotidiana o addirittura (errore TRAGICO) di insulina.
Ma, quando INEVITABILMENTE dovrete affrontare le conseguenze del diabete (informatevi bene quali sono) non lamentatevi del fatto che nessuno vi aveva avvertito.

Metformina
Membro Carenity
Pubblicato il

A me la metaformina ha danneggiato il colon, ora che non la prendo più, sto molto meglio, sono passato ai diuretici, e tresiba.