Riesci ad astenerti dai cibi che non dovresti mangiare?

https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/diabete-tipo-2.jpg

Pazienti Diabete tipo 2

3 risposte

52 visualizzazioni

Tema della discussione



Pubblicato il
Buon consigliere

Ciao! Come va per te con la dieta? Riesci ad astenersi dai cibi che non dovresti mangiare? Un saluto, Francesco

Inizio della discussione - 17/07/16

Riesci ad astenerti dai cibi che non dovresti mangiare?


Pubblicato il

E' diffiicile, l'ho fatto per circa 2 mesi da quando ho scoperto di avere la glicemia alta, con tanti sacrifici sono arrivata ad un valore a digiuno di 107 ma adesso ho un periodo di ricadute e infatti questa mattina la mia glicemia è di 138

Riesci ad astenerti dai cibi che non dovresti mangiare?

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Ciao Celestina,
Se posso permettermi vorrei darti alcuni consigli, dato che da più di un anno affronto il problema di abbassare la glicemia (e la pressione arteriosa) servendomi SOLO di dieta e movimento. Riguardo la dieta, gli alimenti che alzano molto la glicemia sono il PANE e la PASTA di farina RAFFINATA. Puoi mangiare granetti di farina integrale (senza zucchero) oppure paninetti di farina integrale (li riconosci perché hanno colore scuro), oppure pasta di FARRO, di AVENA o di ORZO. Questi tipi di pasta, soprattutto quella di avena e di orzo, sono buonissime e la mia famiglia ha cominciato a preferirle alle paste di frumento.

Oltre al pane e alla pasta di farina raffinata, alzano moltissimo la glicemia le PATATE, le BANANE e i CECI.
La mattina io faccio colazione con una terrina di ORTAGGI (pomodori, carote, finocchio, peperoni dolci), una mela e tre noci,  condita con olio di oliva, curcuma e zenzero fresco grattuggiato.

Questa terrina mi consente di arrivare al pranzo senza avere fame durante il mattino. Ma in caso avessi fame mangio un frutto, oppure un paio di pomodori conditi olio di oliva e poco sale, con due granetti integrali.
A mezzogiorno mangio il primo (pasta di orzo al sugo di pomodoro fresco, oppure riso rosso con gli asparagi, oppure minestrone di lenticchie, fagioli freschi, carote e cipolle) oppure il secondo (fetta di pollo ruspante, oppure branzino, oppure baccalà in padella col sugo di pomodoro, olive e capperi).
Verso le cinque prendo il mio decotto di foglie di ulivo fatte bollire per una decina di minuti, il quale mi abbassa la pressione.

Se ho fame mangio un frutto (una fetta di cocomero, o di melone, o un paio di pesche-noci con la buccia).
Tutta la frutta che mangio la mangio con la buccia, fatta di cellulosa, che non viene digerita e perciò contribuisce a darmi un senso di sazietà. 

Anche la sera mangio solo il primo, oppure solo il secondo.

Come avrai visto ho abolito del tutto il latte, i formaggi e gli insaccati. Questo perché il latte acidifica il sangue. I formaggi, soprattutto se stagionati, alzano la pressione. Gli insaccati contengono nitriti e nitrati che sono cancerogeni. 
Sono riuscito anche ad abolire la birra e il vino che aumentano molto la glicemia. Bevo solo spremute di pompelmo o frullati di frutta fresca.
Ti assicuro che con questa dieta non si soffre per niente la fame, perché, come avrai visto, non ci sono limiti alle quantità (tranne il fatto di moderare pane e pasta integrali).
Se la dieta è accompagnata da una attività fisica aerobica di un'ora al giorno (passeggiata, jogging o nuoto) la glicemia si mantiene sotto il valore di normalità (110).
Se la dieta è accompagnata dall'assunzione di 3 grammi al giorno di olio di pesce si risolvono i problemi di trigliceridi, colesterolo e pressione alta. 

Spero di esserti stato di aiuto.
Saluti e goditi l'estate che la vita è bella e la Natura è molto generosa (e fa le cose bene!)
 

Riesci ad astenerti dai cibi che non dovresti mangiare?


Pubblicato il
Buon consigliere

BUONGIORNO,si riesce a seguire una "dieta" quando la si concepisce come uno stile di vita  e non come delle privazioni obbligatorie.

Quando si entra nel concetto che stai seguendo uno stile di vita tutto diventa semplice...

il  primo passo è capire quali alimenti sono nocivi per quella patologia ... poi entrare nel concetto che di questi ne possiamo fare a meno non perchè qualcuno ce lo proibisce ma perchè non mangiandoli stiamo meglio.

Secondo passo è vedere i risultati e essere felice per il traguardo raggiunto senza tante limitazioni 

terzo consiglio non fare mai diete con tante limitazioni perchè non duri e tornare indietro è un attimo.

inoltre ognuno di noi ha dei cibi che per lui è un toccasana mentre per un'altro è micidiale. tutto deve essere rapportato con se 

Buona giornata

Discussioni più commentate