Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?

https://www.carenity.it/static/themes-v3/default/images/it/header/diabete-tipo-2.jpg

Pazienti Diabete tipo 2

14 risposte

236 visualizzazioni

Tema della discussione


• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Cari amici vi propongo un problema spinoso: il vino rosso fa bene o male a un diabetico T2?
Ed, eventualmente facesse bene, quanto se ne può bere?
E' noto ad ogni diabetico T2 che alcuni alimenti amari (come il CARCIOFO, il TARASSACO e la CICORIA) ABBASSANO la glicemia a digiuno. Il motivo potrebbe essere legato al fatto che contengono sostanze che curano il FEGATO intossicato da troppo grasso (steatosi) oppure da troppi veleni chimici assunti con l'alimentazione.
Ma, se questo è vero, dovrebbe dedursi che l'ALCOL, danneggiando il fegato, dovrebbe essere BANDITO dalla alimentazione del diabetico T2.
D'altra parte è noto che una modesta quantità di VINO ROSSO GENUINO (alcuni dicono un bicchiere massimo a pasto) , non faccia male. Anzi, diminuendo lo stress e contenendo un buon antiossidante (il resveratrolo) dovrebbe addirittura fare bene.
Che ne pensate?

Inizio della discussione - 11/02/20

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il
io non sono un medico, ma per quanto ne dicono un bicchiere al giorno sembra che agevoli anche il colesterolo, speriamo sia così.
Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?

• Animatore della community
Pubblicato il

Cari nuovi membri @Cricchiola@Gordongekko@Kartikelly@Angelo1956@Silvanuccia‍ avete visto questa discussione? Cosa ne pensate? La vostra esperienza e opinione ci sarà utile! Grazie tanto in anticipo emoticon occhiolino

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il

Grazie e buongiorno a tutti  io su questo argomento nn so cosa dire perché io sono astemia e mio marito che ha il diabete di tipo 2 nn beve vino o alcolici, ma tempo fa ho letto che un bicchiere di vino ai pasti nn fa male.

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il

Salve,

Io.nn mi.pronuncio in quanto astemia,certo che un bicchiere se vino rosso ma buono credo nn faccia male,il.detto c è che il.buon vino fa buon sangue e per cui ci sarà il.suo perché..

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il

Ho visto morire di malattia più astemi che ubriaconi !

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il

Ho trovato questo articolo è mi pare interessante. Cosa ne pensate?

https://www.ilsole24ore.com/art/heallo-startup-dell-healthy-food-lancia-mercato-primo-prodotto-basso-impatto-glicemico-ACrm8uIB?refresh_ce=1

Mi preoccupa il fatto che cmq ci sia dell'alcool... Cosa ne dite? 

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?

• Membro Ambasciatore
Pubblicato il
Buon consigliere

Una birra con 4.5 % di alcol a mio parere è DANNOSISSIMA per un diabetico, anche se vi aggiungono fibre solubili per abbassare l'indice glicemico.
Io ho la PROVA che l'alcol sia DANNOSISSIMO per un diabetico da quando due anni fa assumevo birra a basso tenore alcolico (2%) e dopo alcuni mesi ho avuto un FORTISSIMO scompenso glicemico (io sono border line, per cui anche leggeri sgarri rispetto a un regime alimentare sano mi procurano scompensi).
Ultimamente mi ero concesso un bicchiere di vino rosso a pasto e, anche in questo caso, ho avuto FORTI SCOMPENSI.
Ne ho dedotto che, per quanto mi riguarda, l'uso dell'alcol deve essere ASSOLUTAMENTE PROIBITO per un diabetico. 
D'altra parte ciò è in linea con le raccomandazione della società diabetologica italiana.
Non solo superalcolici, o vino a pasto. Ma anche birra a basso tenore alcolico (2 gradi!).
E' dura da accettare, ma meglio una sgradevole limitazione che future dolorosissime conseguenze domani!

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il

Era il mio dubbio infatti

Il vino rosso fa bene o male ad un diabetico T2?


Pubblicato il

Ciao a tutti.

                     Premetto innanzitutto che sto seguendo un regime alimentare abbastanza rigido ,in quanto da qualche tempo ho riscontrato una forte intolleranza al glucosio con il serio rischio di diabete di tipo II.

Non mi ritengo un consumatore di vino, però a volte, i fine settimana, con gli amici o anche solo ,mi concedo un pò di svago (la chiamo 'baldoria'con una sottile vena di sano umorismo).

 A volte sono solito accompagnare il pranzo del sabato o della domenica con  un paio di  bicchieri  di vino rosso, che sia Chianti , Barbera o Bonarda , non ha molta importanza  e se si mangia il pesce, rigorosamente vino bianco.

Io controllo regolarmente il valore della gliecemia con il glucometro( Un one touch Verio) e per quanto mi riguarda non ho notato alcuna variazione di rilievo  del valore postprandiale che, dopo la mia camminata quotidiana, non supera mai la soglia dei 120 mg/dl.

Spesso non raggiungo nemmeno i 110 mg/dl, in ogni modo non noto mutamenti  apprezzabili dei valori glicemici, che invece  sono stati in grado di produrmi quattro tortini' coccole' della bonduelle, a base di carote, cotte in padella antiaderente senza grassi,che seppure nella confezione dichiarino un contenuto di 4,1 g di carboidrati ( di cui 1, 5 di zuccheri) per porzione(2 tortini),probabilmente a causa della presenza delle carote cotte  mi fanno balzare a 144 mg/dl la glicemia, forse per l'elevato indice gliecemico di codesti ortaggi.

Io sono ancora alle prime armi, però sto combattendo questa insidiosa e subdola malattia con una dieta equilibrata e molto esercizio fisico, anche se a volte la mancanza di volontà mi porta a adottare dei comportamenti alimentari scorretti, come nel caso delle 'coccole' Bonduelle, però sono casi non molto frequenti,

Morale della favola , ritengo a mio modesto avviso che un bicchiere di vino assunto sporadicamente non costituisca la goccia che fa traboccare il vaso  del nostro equilibrio glicemico, ovviamente se ciò diviene un'abitudine, allora  a quel punto il discorso si ribalta completamente.

Ringrazio tutti voi per avermi seguito e come novizio nella splendida comunità di Carenity, sono pronto ad accogliere critiche e consigli con lo spirito di colui che vorrebbe far tesoro di tutto ciò che dall'esperienza può pervenire.

Un saluto a tutti voi.

Discussioni più commentate