«
»

Top

Tutte le vostre domande sul Covid-19!

Pubblicata il 27 ott 2020 • Aggiornato il 28 ott 2020 • Da Candice Salomé

Abbiamo condotto un sondaggio sulla piattaforma Carenity dal 24/09 al 12/10/2020 per raccogliere tutte le domande che i membri potrebbero avere sul Covid-19. Hanno partecipato 175 membri.

Attraverso questo articolo, rispondiamo a tutte le vostre domande sui seguenti argomenti: chi sono le persone più a rischio a causa della loro patologia ma anche del loro trattamento? Chi può avere diritto alle maschere gratuite? Possiamo essere immunizzati contro il Covid-19? Per quanto tempo dobbiamo rimanere in isolamento se siamo un caso di contatto? Possiamo chiedere al nostro datore di lavoro il telelavoro?

Scoprite subito tutte le risposte!

Tutte le vostre domande sul Covid-19!

Malattie croniche e Covid-19: chi sono le cosiddette persone "vulnerabili"?

I criteri di vulnerabilità per identificare le persone a rischio di sviluppare una forma grave di infezione da Covid-19 si sono evoluti sin dalla progressione della pandemia.

Attualmente ci sono due livelli di vulnerabilità: rischio elevato (clinicamente estremamente vulnerabile) e rischio moderato (clinicamente vulnerabile)

Quali sono i criteri di vulnerabilità?

Siete considerati vulnerabili se vi trovate in una delle seguenti situazioni:

  • Avere un cancro attivo sotto trattamento (escluso la terapia ormonale);
  • Avere immunosoppressione congenita o acquisita: 
  • medicamentosa: chemioterapia oncologica, terapia immunosoppressiva, bioterapia e/o terapia corticosteroide immunosoppressiva;
  • infezione da HIV incontrollata o infezione da CD4 < 200/mm3 ; 
  • a seguito di un trapianto di organi solidi o di cellule staminali ematopoietiche;
  • legata ad un'emopatia maligna durante il trattamento;
  • Avere 65 anni o più e soffrire di un diabete associato all'obesità o a complicazioni micro o macrovascolari;
  • Essere in dialisi o avere una grave insufficienza renale cronica.

Non sono più considerati criteri di vulnerabilità:

  • Avere 65 anni o più, ma non avere il diabete associato all'obesità o a complicazioni micro o macrovascolari;
  • Avere precedenti cardiovascolari: ipertensione arteriosa complicata (con complicazioni cardiache, renali e vascolari), storia di ictus o di malattia coronarica, storia di chirurgia cardiaca, stadio NYHA III o IV di insufficienza cardiaca;
  • Avere un diabete incontrollato o con complicazioni;
  • Presentare una patologia respiratoria cronica suscettibile di scompensare durante un'infezione virale: broncopneumopatia ostruttiva, asma grave, fibrosi polmonare, sindrome da apnea del sonno, fibrosi cistica in particolare;
  • Obesità (indice di massa corporea (BMI) > 30 kgm2);
  • Avere la cirrosi almeno allo stadio B del punteggio Child Pugh;
  • Presentare una sindrome falciforme maggiore o avere una storia di splenectomia;
  • Essere nel terzo trimestre di gravidanza.

Potete ritrovare tutti i nostri articoli dedicati al Covid-19 e alle malattie croniche:

Quali sono le nuove raccomandazioni di trattamento per il Covid-19?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS):

I FANS (ibuprofene, Voltaren, Bi-profenid, ketoprofene, Profenid...) a libero servizio, senza prescrizione medica, sono controindicati per alleviare i sintomi del Covid-19.

Tuttavia, se il medico vi ha prescritto dei FANS (come l'aspirina) per la vostra condizione cronica, dovete continuare il trattamento. Se si riscontrano sintomi di infezione, dovete contattare il medico per telefono o per tele-consultazione prima di cambiare il trattamento.

Trattamento immunosoppressivo, bioterapia o corticosteroidi:

Se siete affetti da una malattia autoimmune o autoinfiammatoria e siete sotto trattamento immunosoppressivo, bioterapia o corticoterapia, si raccomanda di:

  • non interrompere sistematicamente i trattamenti immunosoppressivi e le bioterapie, tranne in caso di segni di infezione (febbre, tosse, difficoltà respiratorie, dolori, ecc.) e solo su consiglio del medico (del medico di riferimento che vi segue per la vostra patologia o del vostro medico di famiglia);
  • non interrompere la terapia con corticosteroidi senza il parere del medico.

Se soffrite di un cancro, la Lega contro il Cancro raccomanda:

  • di non interrompere il trattamento senza il consiglio del medico, di continuare l'assistenza domiciliare limitando le uscite e le visite, o di continuare il trattamento presso il centro di cura sulla base delle raccomandazioni del team medico.
  • se seguite cure post-cancro, dovete rispettare scrupolosamente le raccomandazioni generali e dovete contattare il vostro medico se avete domande sulle vostre cure.
  • Se seguite cure di supporto post-cancro, soprattutto nei centri, è preferibile un'interruzione temporanea nei focolai attivi, e se si riscontrano sintomi di infezione, non visitate i locali, contattate il proprio medico.

Se volete verificare se i vostri trattamenti possono comportare un potenziale rischio di peggioramento dei sintomi:

Se avete domande sul vostro trattamento in caso di contaminazione da Covid-19, potete ottenere informazioni utilizzando il seguente sito: http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/

Covid-19 e lavoro: telelavoro, congedi…

Modalità in azienda:

L’azienda, attraverso le modalità più idonee ed efficaci, informa tutti i lavoratori, e chiunque entri in azienda, sulle disposizioni delle Autorità, consegnando e/o affiggendo depliants informativi all’ingresso e nei luoghi maggiormente visibili dei locali aziendali. Tra le informazioni:

  • L'obbligo di restare a casa con febbre oltre 37.5. In presenza di febbre (oltre i 37.5) o altri sintomi influenzali vi è l’obbligo di rimanere al proprio domicilio e di chiamare il proprio medico di famiglia e l'autorità sanitaria.
  • L’accettazione di non poter entrare o permanere in azienda, e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo: sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, etc.
  • L’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e del datore di lavoro nel fare accesso in azienda. In particolare: mantenere la distanza di sicurezza, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene.
  • L'impegno a informare tempestivamente e responsabilmente il datore di lavoro della presenza di qualsiasi sintomo influenzale durante l'espletamento della prestazione lavorativa, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti.

Accesso alla sede di lavoro:

Controlli all’ingresso dell’azienda

Il personale, prima di entrare nella sede di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea. Se questa risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso. Le persone in tale condizione saranno momentaneamente isolate e fornite di mascherine. Non dovranno recarsi al Pronto Soccorso e/o nelle infermerie di sede, ma dovranno contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni.

Il personale, e chiunque intenda fare ingresso in azienda, non può accedere se negli ultimi 14 giorni ha avuto contatti con soggetti risultati positivi al COVID-19 o provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell'OMS. L’ingresso in azienda di lavoratori già risultati positivi all’infezione da COVID 19 dovrà essere preceduto da una preventiva comunicazione avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal Dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.

Modalità di accesso di fornitori esterni e visitatori

Al fine di ridurre le possibilità di contatto con il personale, l’accesso di fornitori esterni deve essere regolato attraverso l’individuazione di procedure di ingresso, transito e uscita, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite. Laddove possibile, gli autisti dei mezzi di trasporto devono rimanere a bordo dei propri mezzi: non è consentito l’accesso agli uffici per nessun motivo. Per le necessarie attività di approntamento delle attività di carico e scarico, il trasportatore dovrà attenersi alla rigorosa distanza di un metro.

Per fornitori/trasportatori e/o altro personale esterno occorre individuare/installare servizi igienici dedicati, prevedere il divieto di utilizzo di quelli del personale dipendente e garantire una adeguata pulizia giornaliera.

Anche l’accesso ai visitatori deve essere limitato: qualora fosse necessario l’ingresso di visitatori esterni (impresa di pulizie, manutenzione, etc.), gli stessi dovranno sottostare a tutte le regole aziendali.

Caso sintomatico in azienda:

Nel caso in cui una persona presente in azienda sviluppi febbre e sintomi di infezione respiratoria come la tosse, lo deve dichiarare immediatamente all'ufficio del personale e si dovrà procedere al suo isolamento e a quello degli altri presenti dai locali.

L'azienda avverte immediatamente le autorità sanitarie competenti e i numeri di emergenza per il Covid-19 forniti dalla Regione o dal Ministero della Salute. L’azienda inoltre collabora per la definizione degli eventuali "contatti stretti".

Maggiori informazioni qui: www.salute.gov.it

Test per COVID-19: Che tipo di test ci sono? Chi deve essere testato? Dove posso essere testato?

Abbiamo recentemente pubblicato un articolo che illustra in dettaglio le ultime informazioni sui tipi di test e sui luoghi di test in Italia: Come fare il test per il coronavirus?

Isolamento, quarantena... cosa fare dopo essere stato testato al Covid-19?

Se il tampone è positivo:

Un risultato positivo significa che avevate il coronavirus quando il test è stato fatto. Se il test è positivo, è necessario isolarsi immediatamente.

  • Se avete fatto il test perché avevate sintomi di COVID, dovete rimanere in autoisolamento per almeno 10 giorni da quando sono iniziati i sintomi.
  • Se avete fatto un test ma non avete avuto sintomi, dovreste autoisolarvi per 10 giorni dalla data del test.

Dopo 10 giorni, se nelle ultime 72 ore non ci sono stati sintomi, si può richiedere un nuovo tampone. Il secondo tampone è negativo. Cosa succede? Si può uscire dall’isolamento

Se il tampone è negativo:

Un risultato negativo significa che il test non ha identificato il coronavirus. Non è necessario autoisolarsi fino a quando:

  • Tutti quelli con cui vivete e che hanno sintomi sono negativi, 
  • Tutti quelli nel vostro entourage che hanno sintomi sono negativi,
  • Vi sentite in buona salute - se vi sentite male, rimanete a casa finché non vi sentite meglio

Se il risultato è poco chiaro, nullo o inconcludente:

Un risultato non chiaro, nullo o inconcludente significa che è impossibile dire se si era in presenza di coronavirus al momento del test. In questo caso, si dovrebbe fare un altro test il più presto possibile.

Se avete fatto il test perché presentavate dei sintomi, dovreste continuare ad autoisolarvi e fare un altro test entro 5 giorni dai primi segni dei sintomi.

Se siete stati in contatto con qualcuno che ha il coronavirus, dovreste rimanere a casa in autoisolamento per 14 giorni e seguire rigorosamente i gesti barriera.

Indossare una mascherina: gratis, dispensa, problemi di pelle, asma...

Chi può beneficiare di mascherine gratuite?

Il provvedimento allo studio sul tavolo del governo è quello di rendere gratuiti i dispositivi per i soggetti fragili, ovvero i cittadini con reddito più basso già esenti dal ticket.

In base al modello ISEE, che sarebbe dovuto scadere a marzo ma che è stato prorogato di tre mesi, le esenzioni da reddito sono E01, E02, E03, E04.

Dovrebbero dunque essere compresi nelle esenzioni:

  • Bambini di età inferiore a 6 anni e over 65 anni;
  • Disoccupati e familiari a carico;
  • Percettori di assegno sociale e familiari a carico;
  • Titolari di pensione minima di età superiore a 60 anni e familiari a carico

Come posso evitare i problemi di pelle legati all'uso di una mascherina?

"La pelle del viso non è fisiologicamente adatta ad indossare la mascherina. È sottile e reagisce più rapidamente alle aggressioni come lo sfregamento", spiega il dermatologo Dr. Radostina Bachvarova. Lei continua: "L'attrito della mascherina sulle zone fragili del viso, e in particolare sulla parte superiore del naso, dove alcune mascherine dotate di una barra d'acciaio poggiano, attacca la pelle e danneggia la barriera cutanea naturale. Quando questa barriera cutanea è danneggiata, si verificano problemi alla pelle".

I problemi della pelle che possono verificarsi sono principalmente:

  • eczema: chiamato anche dermatite atopica, si tratta di un'infiammazione della pelle che può derivare da prurito nelle zone in cui la maschera riposa, cioè prurito e arrossamenti associati.
  • Psoriasi del viso: ripetuti sfregamenti attaccano la pelle, possono comparire placche di psoriasi. 
  • Acne e rosacea: l'acne e gli arrossamenti della pelle compaiono a seguito di ripetuti sfregamenti della maschera facciale sulla pelle e sono aggravati dal calore e dalla sudorazione.

Ecco alcuni consigli per aiutarvi ad affrontare l'uso della mascherina:

  • rinfrescarsi regolarmente il viso (con acqua termale),
  • bere molta acqua.
  • radersi la barba.
  • usare meno trucco,
  • preferire le creme idratanti anti-irritazione, da applicare mattina e sera.
  • pulire la pelle con un prodotto a pH neutro o leggermente acido per ripristinare l'equilibrio del microbiota cutaneo.
  • evitare le maschere in neoprene, soprattutto per le persone allergiche al lattice, ai materiali sintetici e a quelli molto colorati e contenenti componenti irritanti. Preferire le mascherine chirurgiche o le cosiddette mascherine "alternative" in cotone e di colore neutro e pallido.

Potete anche consultare il nostro articolo: Mascherina protettiva contro il coronavirus (Covid-19): legislazione, tipi di mascherine, prezzi...

Si possono evitare difficoltà respiratorie indossando la maschera?

Le persone con asma, BPCO, fibrosi cistica, fibrosi polmonare o bronchite devono prestare attenzione alla scelta della mascherina. "Una mascherina troppo stretta, come quella del tipo FFP2, sarà difficile da indossare per molto tempo. Con questo tipo di mascherina, la persona tende a respirare più velocemente e a iperventilare", dice l'allergologo Dr. Sophie Silcret-Grieu.

Per le persone che soffrono di problemi respiratori, si consiglia quindi cautela nella scelta della mascherina, "preferibilmente di tipo chirurgico, ma la cosa migliore è provare diversi modelli e adottare quello più adatto a voi", raccomanda il medico.

Siamo immuni dopo aver preso il Covid-19?

Ora è una certezza: si può prendere il Covid-19 due volte, ed essere ancora più malati la seconda volta. Questi casi di reinfezione sono ancora molto rari, ma sollevano molti interrogativi sulla durata dell'immunità e sul decorso della pandemia.

Secondo la rivista medica The Lancet Infectious Diseases, finora sono stati confermati cinque casi in tutto il mondo: a Hong Kong (il primo, annunciato il 24 agosto), in Belgio, nei Paesi Bassi, in Ecuador e nello stato americano del Nevada.

Nei pazienti del Nevada e dell'Ecuador, la seconda infezione è stata più grave della prima, mentre non è stato così per gli altri tre. Per gli scienziati, il fatto che il paziente di Hong Kong non abbia sviluppato sintomi la seconda volta è un segno che il suo sistema immunitario ha imparato a difendersi dopo la prima infezione - la sua seconda positività al Covid-19 è stata scoperta per caso, grazie a un test tampone all'aeroporto mentre tornava dall'Europa.

Le persone che risultano positive al test Covid-19 dovrebbero quindi continuare a prendere tutte le precauzioni possibili, compreso il distanziamento fisico, indossare una mascherina e lavarsi le mani, poiché è possibile una reinfezione.

Grazie per aver partecipato a questo importante sondaggio, che ci ha permesso di rispondere alle vostre domande. Ci impegniamo a trasmettervi le informazioni più rilevanti. Grazie a questo sondaggio, siamo riusciti a farlo.

Non esitate a farci sapere nei commenti se siete interessati ad altri sondaggi di questo tipo!


Questo articolo vi è stato utile?

Condividete la vostra opinione e le vostre domande con la comunità nei commenti qui di seguito!

Forza a tutte e tutti!

Fonti:

http://www.salute.gov.it/portale/home.html

https://video.corriere.it/cronaca/come-arginare-coronavirus-cosa-fare-se-si-hanno-sintomi-familiare-positivo-o-si-riceve-notifica-immuni/

https://www.legifrance.gouv.fr/jorf/id/JORFTEXT000042105897/

https://www.service-public.fr/particuliers/actualites/A14242

https://www.service-public.fr/particuliers/actualites/A14263#:~:text=Le%20port%20du%20masque%20est,fr%20qui%20peut%20en%20b%C3%A9n%C3%A9ficier.

https://sante.journaldesfemmes.fr/fiches-maladies/2636141-masque-covid-effets-secondaires-acne-boutons-respirant-eczema-asthme-demangeaison/

https://www.rtl.fr/actu/debats-societe/coronavirus-votre-entreprise-peut-elle-vous-imposer-un-depistage-7800789867

https://www.ameli.fr/assure/covid-19/detecter-depister-isoler-comprendre-la-strategie-de-deconfinement/lassurance-maladie-en-premiere-ligne-aupres-des-personnes-contact

https://www.ameli.fr/assure/covid-19/situations-relevant-dun-arret-de-travail/situations-relevant-dun-arret-de-travail#:~:text=Les%20personnes%20pr%C3%A9sentant%20des%20signes%20%C3%A9vocateurs%20du%20Covid%2D19,-Il%20est%20demand%C3%A9&text=Dans%20l'attente%20des%20r%C3%A9sultats,si%20besoin%20par%20leur%20m%C3%A9decin.µ

https://www.ameli.fr/assure/covid-19/les-tests-de-depistage-du-covid-19/en-cas-de-test-positif-au-covid-19

https://www.ameli.fr/assure/covid-19/isolement-principes-et-regles-respecter/isolement-principes-generaux

https://www.faire-face.fr/2020/08/31/faq-handicap-covid-derogation-masque/#:~:text=Des%20d%C3%A9rogations%20au%20port%20du,Partout%20en%20France.&text=Dans%20tous%20les%20lieux%20publics,bureaux%20individuels%2C%20partout%20en%20France.

avatar Candice Salomé

Autore: Candice Salomé, Community Manager Francia

Candice Salomé è Community Manager Francia di Carenity. Si occupa anche della redazione di articoli per la Rivista Salute. È responsabile del fidanzamento dei membri sulla piattaforma francese di... >> Per saperne di più

Commenti

Ti piacerà anche

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Covid-19 e influenza, quali sono le differenze?

Leggi l’articolo
Il distanziamento sociale: come funziona?

Il distanziamento sociale: come funziona?

Leggi l’articolo
Coronavirus e malattie croniche

Coronavirus e malattie croniche

Leggi l’articolo
Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Coronavirus: cosa c'è da sapere?

Leggi l’articolo